Home Rubriche Muórze e surze Limoncello

Limoncello

820
Limoncello


Download PDF

Ingredienti

1 litro di alcool
750 grammi di zucchero
750 cl di acqua
8 limoni di media grandezza
Preparazione

Come promesso ecco la mia ricetta del limoncello. Si tratta di un procedimento molto personale, frutto di diversi tentativi. Vediamo come procedere. Sbucciate i limoni in modo da prendere solo la parte gialla, evitando accuratamente di includere parti di bianco.
Fino a poco fa usavo il coltello o un pelapatate, ma da quando ho comprato uno sbuccia limoni mi sto trovando davvero bene.

Mettete a macerare le bucce nell’alcool per 10 giorni; come contenitore potete benissimo usare anche una bottiglia, ovviamente di vetro, meglio evitare la plastica.
Trascorsi i 10 giorni in una pentola mettete l’acqua e lo zucchero, portando il tutto ad ebollizione. Spegnete ed aspettate che si raffreddi.

Nel frattempo filtrate l’alcool con un colino stretto, per evitare che nel liquido possano rimanere frammenti di buccia. Quando l’acqua si è raffreddata unite l’alcool precedentemente filtrato e imbottigliate.

Ovviamente le dosi possono essere variate a piacere, se vi piace più o meno dolce potete cambiare il quantitativo di zucchero, come ritoccando il rapporto tra alcool e acqua modificherete la gradazione alcolica, per avere un limoncello più leggero o più robusto.

Le dosi che ho indicato sono relative alle preferenze mie e della mia famiglia e sono conseguenza, come vi dicevo, di diversi tentativi di limare questo o quel quantitativo, ma si tratta solo ed esclusivamente di gusto, vi consiglio di fare la stessa cosa, fino a raggiungere quello che per voi sarà il dosaggio perfetto.

Inoltre, il limoncello va bevuto molto freddo, c’è chi preferisce conservarlo nel freezer, chi in frigo, come al solito è un fatto di gusti. Io lo metto in frigo.
L’ultimo consiglio è di aspettare almeno un paio di giorni prima di cominciare a berlo.

Print Friendly, PDF & Email
Carolina Barra

Autore Carolina Barra

Carolina Barra, impiegata in pensione, profonda conoscitrice del cibo in tutte le sue declinazioni, adora cimentarsi nei piatti tipici della tradizione e scoprirne i trucchi per poterli tramandare.