Home Rubriche Muórze e surze Polipetti alla luciana

Polipetti alla luciana

253
Polipetti alla Luciana


Download PDF

Ingredienti:

1 kg di polipetti
500 grammi di pomodori
3 spicchi d’aglio
1 peperoncino piccante
Prezzemolo q.b.
Olio EVO q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.

Procedimento

Si tratta di un classico della cucina campana, napoletana in particolare. L’origine del nome, infatti, è legata al borgo di Santa Lucia.

Molto semplice da preparare, può fare da antipasto, da sugo per condire la pasta, ovviamente lunga, spaghetti o linguine, ma anche da buon secondo, magari con del pane abbrustolito.

La tradizione vuole che si utilizzi un tegame di coccio, in cui facciamo soffriggere l’aglio schiacciato, fino a farlo imbiondire, oltre che il peperoncino piccante.

A questo punto possiamo aggiungere i polipetti, accuratamente puliti, i pomodori tagliati a pezzetti, il pepe, il sale e del prezzemolo tritato finemente.

Di solito uso i polipetti veraci, ma possono essere usati anche i moscardini o addirittura i calamari. Naturalmente se sono freschi il risultato è decisamente migliore.

Per i pomodori, preferisco quelli freschi, quando ci sono e soprattutto sono buoni, altrimenti vanno bene anche i pelati.

Copriamo e facciamo cuocere a fiamma molto bassa per circa un’ora e mezza.

Anticamente il tegame veniva chiuso con un cordone di pasta fatta con acqua e farina per evitare la fuoriuscita del vapore, rendendo la cottura ancora più particolare.

Ultimata la cottura, facciamo riposare per un quarto d’ora e poi spolveriamo con altro prezzemolo tritato prima di servire.

Volendo, possiamo aggiungere olive nere o anche i capperi.

Possiamo abbinare un bianco Catalanesca del Monte Somma.

Buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email
Carolina Barra

Autore Carolina Barra

Carolina Barra, impiegata in pensione, profonda conoscitrice del cibo in tutte le sue declinazioni, adora cimentarsi nei piatti tipici della tradizione e scoprirne i trucchi per poterli tramandare.