Home Rubriche Da Oriente a Occidente Reiki ed entità negative?

Reiki ed entità negative?

243
Reiki ed entità negative?


Download PDF

Quando dall’Oriente si importano Superstizioni anziché Saggezza

Io so signor abate, io so di farle orrore!

Così inizia François Mauriac il suo ‘Angeli Neri’ un titolo che è tutto un programma.

E io, invece, so che vi sembrerò pedante e banale ma che ci posso fare? Non passa giorno che non senta qualcuno preoccupato dopo aver frequentato, non dico dove, qualche circolo Reiki. E perché preoccupato?

Semplicemente perché, come succede da molti anni, vengono messe in testa idee malsane:

Hai vicino a te un’entità negativa! Sei pieno di energie negative da ripulire! Ci sono persone che ti inviano energie negative!

E mi fermo qui per non tediarvi.

Come ci si può lamentare che, poi, il Reiki venga bistrattato e deriso?
Una pratica che dovrebbe portare coraggio, conforto, consolazione, riduzione dello stress, alleggerimento mentale, diventa, in mano ai soliti ciarlatani, una tecnica che aumenta le paure, le angosce e le ansietà.

Sembra quasi – togliamo il quasi? – che, più che forme di saggezza orientali, si abbia la propensione a ricercare formule eccitanti, notizie eclatanti, come se talune pratiche debbano servire a solleticare sensazioni di potere anziché il sincero desiderio di un maggior benessere.

Notizie come questa:

I maschietti possono sapere se una donna raggiunge l’orgasmo per davvero o per finta controllando le dita dei piedi nel momento cruciale. Se si rattrappiscono significa che non stanno fingendo!

Possono solleticare la nostra curiosità, ce lo insegnò Franca Rame da un palcoscenico teatrale, ma è decisamente riduttivo avvicinarsi alle esotiche saggezze, solo per ottenerne un solletico cerebrale.

Oltretutto, quando le informazioni sono scientifiche e realistiche, come quella dell’amata moglie di Dario Fo, ne possiamo pure trarre vantaggio; se si è in grado, ovviamente, dal momento che potreste sentirvi impacciati nel controllare le dita dei piedi delle vostre amate proprio nel momento più delicato.

Ma cosa ce ne facciamo degli spiriti guida che ci aprono i chakra dei piedi, per quanto possano stuzzicare la nostra fantasia?

È dal lontano 1995 che combattiamo, allo Studio Gayatri di Monza, sia le speculazioni economiche che quelle psicologiche, proponendo tutti i nostri Corsi Reiki ad Offerta Libera, ma che ci possiamo fare se c’è ancora qualcuno che preferisce rivolgersi a coloro che lo associano al paranormale, al business e al mondo esoterico?

Il nostro compito è quello di alleggerire le menti delle persone, non quello di appesantirle ulteriormente. È quello di aiutarle ad avere più coraggio e a dormire meglio la notte, non quello di procurare ulteriore insonnia. È quello di aiutare a vivere una vita decisamente più serena togliendo inutili paure e ansietà, non quello di aumentare le tensioni e le preoccupazioni.

Chi insegna la bellissima pratica del Reiki insinuando nuove ansie, facendo leva su paranormale ed esoterismo ha un solo obiettivo: rendere le persone dipendenti.

Il macabro gioco è sempre lo stesso:

Prima vi fanno paura, poi vi chiedono di essere pagati per togliervela! Prima vi creano un bisogno, poi vi fanno pagare con la promessa di soddisfarvelo!

Tutto questo non si chiama Reiki! Si chiama Marketing!

Il Vero Reiki è semplice, genuino, leggero ed estremamente rilassante.

Print Friendly, PDF & Email
natyan

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.