Home Rubriche Muórze e surze Gateau di patate

Gateau di patate

345
Gateau di patate


Download PDF

Ingredienti

Un chilo e mezzo di patate
300 grammi di prosciutto cotto a dadini
300 grammi di Emmental a cubetti
150 grammi di parmigiano grattugiato
50 grammi di romano grattugiato
1 uovo
Pane grattugiato q,b,
Olio EVO q.b.
Pepe q.b.
Latte q.b.
Sale q.b.

Procedimento

Il gateau di patate, o gattò, come lo chiamiamo a Napoli, è un classico della gastronomia campana, semplice da preparare e molto gustoso.
Come sempre ci sono molte varianti, quella che vi propongo è la mia.

Innanzitutto facciamo bollire le patate in abbondante acqua fredda.  Quando saranno cotte, il tempo dipende dalla grandezza e dalla varietà, le facciamo raffreddare fino a che non diventino tiepide, poi le sbucciamo e le schiacciamo in un recipiente capiente con uno schiacciapatate. Non usiamo la forchetta, devono essere ridotte proprio ad una purea.

Aggiungiamo i formaggi grattugiati, il sale, il pepe e l’uovo, e amalgamiamo tutto. Se il composto ci sembra troppo duro possiamo ammorbidirlo con un po’ di latte.

Prendiamo una teglia, la ungiamo con olio EVO, poi vi mettiamo una metà delle patate, uniamo il prosciutto e l’emmental, copriamo con le patate restanti.

Un’alternativa può essere quella di impastare questi ultimi due ingredienti quando uniamo uovo e formaggi; personalmente preferisco metterli al centro perché così non rischiamo di trovarli in superficie, durante la cottura è facile che si brucino.

Copriamo con il pan grattato, irroriamo con un filo di olio EVO, e mettiamo in forno preriscaldato a 180 gradi, dove lo lasceremo per 35 – 40 minuti, non dimenticandoci di controllarlo costantemente.

Lo possiamo mangiare sia tiepido che freddo, accompagnandolo con un Morellino di Scansano.

Buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email
Carolina Barra

Autore Carolina Barra

Carolina Barra, impiegata in pensione, profonda conoscitrice del cibo in tutte le sue declinazioni, adora cimentarsi nei piatti tipici della tradizione e scoprirne i trucchi per poterli tramandare.