Home Territorio Estero Emirati: morto lo sceicco Khalifa bin Zayed

Emirati: morto lo sceicco Khalifa bin Zayed

224


Download PDF

Bandiere a mezz’asta per 40 giorni per la morte del Presidente emiratino

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato la morte del Presidente dello Stato, lo sceicco Khalifa bin Zayed.

Il Ministero degli Affari Presidenziali ha scritto sul suo account Twitter:

Piangiamo il popolo degli Emirati Arabi Uniti, le nazioni arabe e islamiche e il mondo intero, il leader della nazione e il patrono della sua marcia, lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, il Presidente dello Stato, che si è mosso al fianco del suo Signore, oggi, 13 maggio.

Ha anche annunciato il lutto ufficiale e le bandiere a mezz’asta per un periodo di 40 giorni, a partire da oggi, 13 maggio.

Il lavoro nei Ministeri, dipartimenti, istituzioni federali e locali e nel settore privato sarà sospeso per 3 giorni, a partire da sabato 14 maggio.

Inoltre, la preghiera funebre si è svolta oggi dopo il tramonto nella moschea dello sceicco Sultan bin Zayed e in tutte le moschee del Paese.

Il principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohammed bin Zayed, e gli sceicchi hanno eseguito la preghiera funebre per l’anima del defunto.

Lo sceicco Khalifa è nato nel 1948, è stato nominato principe ereditario di Abu Dhabi nel 1969 e poi è diventato Presidente degli Emirati Arabi Uniti nel novembre 2004.

Sotto la sua presidenza, il Paese ha assistito ad un grande progresso economico e a una significativa crescita commerciale e turistica.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.