Home Rubriche Risvegli Nato oggi

Nato oggi

272
Nato oggi


Download PDF

È negli occhi di chi si ama, di chi si vuole bene davvero che si riscopre almeno un singolo frammento dell’immagine reale che si ha di sé.

Il cuore di un uomo consapevole, di un uomo che rende grazie all’Universo ogni giorno della sua vita è simile a un baule antico; antico come la sua origine, scritta nel Primo Libro; uno scrigno ricco di valori e preziosi che nulla hanno a che fare con i metalli del mondo.

Nel corso del tempo si diventa simili a un arco proteso verso l’alto, da cui scoccano frecce di esperienze che si innestano in una materia scelta per imparare e sedimentare l’ennesima lezione.

Non si è mai stanchi di amare; non bisogna mai soggiacere a mere abitudini che infliggono gelido ghiaccio allo spirito. Il fuoco che dipana dal cuore di un uomo consapevole è fiamma ardente e perenne, in grado di sciogliere ogni icerbeg in cui si imbatte.

La vita, ogni vita, è in realtà un’opportunità unica e irripetibile per ognuno; i legami affettivi, di qualunque natura e origine essi siano, sono essenziali per ogni uomo che decide di camminare tra le strade del mondo; non come un ospite spettatore, bensì come un condottiero attivo della propria storia. Una storia che non è mai finita e che da sempre si scrive e si riscrive sulle pagine ininterrotte del Primo Libro.

L’amore non si insegna, lo si vive; qualunque esso sia e da chiunque ti provenga.

L’uomo che sopravvive a se stesso è degno di conoscere l’essenza di quel bene puro che nel corpo di una materia legata all’inganno del tempo capita lì per destino e certamente non per caso, e accetta di aprire nuovamente le porte del proprio cuore e farvi entrare chi ha spiritualmente riconosciuto nell’antichità della propria anima che affonda la propria origine nel suo Spirito.

Se solo si comprendesse il valore di una carezza, una flebile e dolce carezza in un preciso momento del proprio vivere terreno, si intuirebbe allora, la potenza delle forze che governano il cielo e in cui si attende il ritorno.

La paura d’amare genera altra paura e sfocia in blocchi emotivi che soffocano la pulsione di un’anima che tende alla vita, alla vera vita.

Non esistono soluzioni per il dolore e la sofferenza; ognuno, nel corso della vita, diventa medicina di se stesso e, forse, in un atto d’amore, riesce a riscoprire la propria natura divina. Per quanto sia difficile, non è impossibile.

L’amore perdona l’amore, ma soltanto se è autentico e simile a quello originario in sostanza, forma e potenza; tutto il resto è privo di valore e di senso.

Il cambiamento dell’uomo, inevitabilmente, lo evolve e lo trasforma in un essere nuovo che allo specchio del confronto non riconosce e, in verità, è proprio tutta lì la sottile differenza tra ciò che si era e ciò che si è.

Crescono nuove ali; ogni colore si colloca autonomamente sulla tela della vita, secondo un ordine naturale, autentico e mai ripetitivo; ogni sfumatura assume una nuova forma nel dipinto di un’anima che si riannoda all’origine di se stessa, risalendo fra lo spazio e il tempo, di dimensione in dimensione, al proprio spirito che l’ha nutrita e formata sin dall’origine.

E per questo, mantenendo viva la fiamma della mia rivoluzione interiore, per quanto possa apparire a molti incomprensibile e vuota di senso, inondo i miei occhi di nuova luce avvertendo, senza precedenti, di essere nato oggi; oggi che lascio libero il mio passato; oggi che mi dimentico del futuro; oggi che riconosco nel presente la mia unica dimensione terrena e spirituale; oggi che ho imparato a farmi compagnia; oggi che ho imparato a sentire il senso dell’amore in ogni cuore; oggi che nei legami autentici riscopro la libertà dell’anima; oggi che finalmente sostengo il mio sguardo e riconosco il suono della mia voce; oggi che cammino nel mondo verso una meta che disegno e riscrivo ogni volta sulle pagine auree del Primo Libro; oggi che ogni segreto si disvela nel senso di me; oggi che ritorno a me stesso e non scappo più.

Da amore nasce amore; dalla vita discende vita; dall’identità reale discende la potenza del riconoscersi negli occhi altrui; da te stesso vieni fuori tu, nato oggi.

Print Friendly, PDF & Email