Home Rubriche Da Oriente a Occidente I sogni dei vecchi

I sogni dei vecchi

344
I sogni dei vecchi


Download PDF

Il comico dramma della Vita

Amo la compagnia dei giovani.
Mi ricordano che continuare a sognare è l’unico modo per non sentirsi noiosi e decrepiti.
Spesso impieghiamo anni a sforzarci di mettere a fuoco i nostri obiettivi e a tentare di raggiungerli.

Rimandiamo la nostra felicità a quando saremo grandi, a quando avremo trovato un lavoro, un partner, una famiglia, il successo, salvo poi renderci conto che è come se rincorressimo un pallone e, dopo averlo afferrato, lo lanciassimo lontano per doverlo rincorrere ancora.

Ma come? Gli obiettivi che ci eravamo prefissati non promettevano un appagamento al loro raggiungimento?
Perché mai ne creiamo sempre di nuovi?

A volte perché quelli desiderati non sono stati raggiunti, altre perché, una volta ottenuto un traguardo, non lo percepiamo più come qualcosa che abbia davvero la capacità di renderci felici, così lo mettiamo da parte e cerchiamo nuove sensazioni.

Non possiamo fermarci.

Abbiamo la necessità di continuare a muoverci poiché, se ci fermassimo, correremmo il rischio di renderci conto che molte cose per cui ci sacrifichiamo non valgono davvero la pena di essere affannosamente rincorse.

E allora andiamo avanti.

Se è vero però che la vita è un comico dramma, facciamo almeno in modo di assorbire la parte umoristica tutte le volte che possiamo, giacché gli eventi tragici non han proprio bisogno di essere progettati dalle nostre menti.

Sorridete al mondo.
Non perché siete così stupidi da non vedere la tristezza che lo circonda.
Sorridete proprio perché la vostra visione profonda vi suggerisce di ridere, e di strappare un sorriso a chi vive tra le lacrime.

Ogni volta che qualcuno vi dona la pioggia dei propri occhi, dimostrando fiducia in voi, ripagatelo con i raggi stellari della vostra solidarietà e comprensione.

Non permettete a nessuno di appesantire il peso del tempo, appassendo senza più la forza di sognare.

Resta aggiornato sui Programmi Gayatri 

Print Friendly, PDF & Email

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.