Home Toscana Regione Toscana Toscana, Ugo Caffaz nominato consulente dell’Assessore Nardini

Toscana, Ugo Caffaz nominato consulente dell’Assessore Nardini

174
Ugo Caffaz


Download PDF

Si occuperà di politiche della Memoria. L’incarico è a titolo gratuito

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Ugo Caffaz è stato nominato consulente della Regione Toscana per le politiche della Memoria ed opererà quindi a supporto dell’Assessora regionale Alessandra Nardini che ha tra le sue deleghe quella alla Cultura della Memoria.

Commenta l’Assessore Nardini:

Sono molto felice che Ugo Caffaz, mente e cuore del Treno della Memoria, abbia accettato di affiancarmi nell’organizzazione del ‘Giorno della Memoria’ e nelle politiche di valorizzazione del ‘Memoriale degli italiani ad Auschwitz’.

Fin da subito avevo espresso al Presidente Giani il desiderio di confermare Ugo nel prezioso ruolo che ha svolto in questi anni. Ringrazio quindi il Presidente per aver fatto, ieri in Giunta, questa proposta e ringrazio Ugo per aver dato la sua disponibilità.

Adesso più che mai, di fronte ai pericolosi rigurgiti nazifascisti a cui assistiamo, l’impegno per tutelare e coltivare la Memoria deve essere massimo, a partire dal coinvolgimento delle giovani generazioni.

Ugo Caffaz è nato a Firenze nel 1946, è stato, tra l’altro, amministratore locale, dirigente della Regione Toscana e membro del Consiglio dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane.

Animatore e principale organizzatore del Treno della memoria, l’iniziativa con la quale, da anni, la Regione Toscana ha permesso a migliaia di studentesse e studenti toscani di effettuare un viaggio di formazione ad Auschwitz.

Caffaz si occuperà quindi delle attività di pianificazione, preparazione e organizzazione degli eventi connessi al ‘Giorno della Memoria’ e curerà il progetto di allestimento del Memoriale di Auschwitz a Firenze.

L’incarico affidato a Ugo Caffaz proseguirà per tutta la durata della legislatura regionale e potrà prevedere un rimborso massimo di 600 euro l’anno per le spese effettivamente sostenute nell’esercizio della sua funzione.

Print Friendly, PDF & Email