Home Territorio Rotary Club Napoli, Antonio Ascione nuovo Presidente

Rotary Club Napoli, Antonio Ascione nuovo Presidente

209
Antonio Ascione


Download PDF

Resterà in carica per avrà l’annata 2022-2023

Riceviamo e pubblichiamo.

Antonio Ascione è il nuovo Presidente del Rotary Club Napoli per l’annata 2022-2023. Il passaggio delle consegne con Aldo Aveta è avvenuto durante la conviviale che, secondo tradizione, si è svolta presso il Bertolini’s Hall, sede in cui, nel lontano 1924, è stato fondato il Club.

Ascione, classe ’69, laureato in Ingegneria Elettronica, è socio fondatore e Presidente di SMS Engineering, azienda leader in Italia dell’Information and Communication Technologies, Premio Nazionale per l’Innovazione, con sedi a Napoli, Roma, Firenze, Milano e Londra.

Ha affermato Ascione durante la cerimonia di ingresso davanti a oltre 150 persone, ricordando il prestigio e il blasone di Club storico, Decano del Distretto 2101:

Mi pongo al servizio del nostro Club con grande onore ed emozione.
Nel comune senso di apparenza e condivisione eredito un Club in buona salute grazie al lavoro del mio predecessore e del suo Consiglio.

Mi sono nutrito in questi anni dell’esperienza accumulata affiancando illustri rotariani, e cercherò di mettere tutto questo in campo con tante buone intenzioni e, vi assicuro, con grande impegno. Posso racchiudere la mia più grande sfida in due parole: coinvolgimento e inclusione.

Se tutti daremo un piccolo contributo, faremo grandi cose per il Club e, ne sono certo, realizzeremo azioni di sviluppo efficaci nel territorio e nella comunità di riferimento.

Ascione ha ringraziato il Governatore del Distretto 2101, il Prof. Alessandro Castagnaro, ricordando il motto della nuova annata ‘Immagina il Rotary’, scelto dal Presidente eletto del Rotary International 2022-2023, Jennifer E. Jones, prima donna a rivestire questo ruolo e ha ricordato:

L’unicità del periodo che stiamo vivendo ha come lato positivo quello dell’accelerazione degli eventi che provocano cambiamenti notevoli. Noi abbiamo il dovere di cavalcarli, nel segno della tradizione del Club e del Rotary stesso.

Print Friendly, PDF & Email