Home Rubriche Menorah Il Massone Armonico

Il Massone Armonico

3589
La Galleria di Palazzo Altoviti, sede della Massoneria toscana del Grande Oriente d'Italia


Download PDF

Gli esseri umani non sono fatti per mettersi in mostra, ma per trovare uno spazio dove vivere in armonia con il cielo e la terra.
Niccolò Ammaniti

Quando possiamo ammettere, prima con noi stessi e poi con gli altri, di essere in pace con noi stessi?

A che punto della vita massonica quella famosa fiammella che arde non si affievolisce, ma resta sempre accesa?

La pietra che da grezza è diventata levigata raggiunge quasi la perfezione?

Non c’è un tempo preciso e scandito, non c’è un percorso unico da seguire, non ci sono esami da sostenere o gradi da raggiungere.

Se avete imboccato una di queste strade, devo darvi una brutta notizia: state perdendo il vostro tempo!

Ho conosciuto tantissimi Fratelli, di obbedienze, età e gradi diversi; splendide persone, ricche di carisma, piene di nozioni, studiose e appassionate di Massoneria, che recitavano a memoria rituali o discutevano di “politica massonica”, come consumati politici profani.

Hanno arricchito notevolmente il mio essere, non posso negarlo, però… ebbene sì c’è un però, in pochi, pochissimi di loro ho riconosciuto quella caratteristica a cui anche io ambisco: l’Armonia!

Essere un “Massone Armonico”, questo dovrebbe essere secondo me l’obiettivo da raggiungere.

La prima definizione di Armonia, nel dizionario è: accordo e proporzione tra le parti che formano un tutto, producente un effetto gradevole ai sensi: armonia di forme, di colori, di profumi, l’armonia dell’Universo, l’armonia dello stile, l’armonia delle idee, dei concetti, l’armonia tra pensiero e azione. In poche parole, la descrizione di un Massone Armonico.

Per comprendere il senso profondo di questo concetto bisogna indugiare sul significato della parola stessa, percepire questa condizione, come ascoltare la musica, fino ad estendere l’idea a molteplici e vari ambiti esperienziali, come se ad un certo punto imparassimo “acusticamente”, attraverso l’orecchio, a prestare la giusta attenzione a quella porzione di realtà sulla quale soffermiamo la nostra attenzione, che spesso ci coinvolge emotivamente fino a tal punto da farci sentire parte di un “tutto armonioso”.

L’armonia è una dote che nasce da una particolare stato di coscienza, fortunatamente raggiungibile da tutti: il così detto “capire senza sapere come!”

In natura, essa già esiste! Nulla è lasciato al caso, ogni cosa è stata fatta con un preciso criterio.

L’uomo, da sempre, ha osservato la natura nella sua armonia, imparando da essa e sublimandola attraverso le arti liberali.

Nei secoli gli uomini di buona volontà hanno studiato, appreso e fatto proprio il concetto di armonia.

In Massoneria, numerosi ed illustri Fratelli hanno dedicato profonde riflessioni a questo stato di sublimazione, costituendo un patrimonio di esperienze per coloro che sarebbero venuti dopo.

L’armonia è parte integrante della Massoneria. La Loggia, con i suoi alti valori simbolici, riesce a sintetizzare questo percorso, trasformandolo in un presupposto necessario all’aggregazione armonica.

Armonia delle forme, Armonia architettonica, Armonia di simboli, Armonia astrale, Armonia dei movimenti, Armonia nelle espressioni verbali, Armonia nella disposizione degli oggetti rituali, Armonia nei toccamenti: tutto in Loggia trasuda di Armonia!

E per ognuna di queste componenti ci sono pagine di storia massonica che ci fanno risalire fino alla storia non solo greca, ma egiziana o addirittura assiro-babilonese.

In questo equilibrio l’uomo può conoscere e costruire se stesso, ricercare il Vero ed il Giusto ed ambire al raggiungimento dell’Armonia. Il Massone vive di impegno, di approfondimenti continui nel suo animo e in stretta armonia con gli animi dei suoi fratelli.

Il suo è un lavoro di gruppo, dove l’uno è funzionale all’altro e il nostro luogo di incontro, la Loggia, trova nell’armonia la sua caratteristica essenziale. In essa “tutto è giusto e perfetto”.

Nella Libera Muratoria tutti questi aspetti diversi delle molte facce dell’armonia mirano e convergono su un’Armonia più importante ed essenziale che finalmente non è più simbolica, ma vera, reale, centrale, fatta di contenuti, indispensabile ed insostituibile ma sempre valida.

Mi riferisco all’Armonia tra Fratelli, all’Armonia interiore, a quella dei cuori e dei sentimenti, all’Armonia delle idee e dei comportamenti conseguenti che prendono l’avvio da una dialettica corale. Armonia di Loggia e tra Logge, tra Orienti vicini e lontani.

L’Armonia dell’Universo è la conseguenza di questi rapporti che legano, con innumerevoli ed invisibili fili, tutte le creazioni fisiche e spirituali e producono così le diverse manifestazioni della Vita e della Bellezza.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Rosmunda Cristiano

Mi chiamo Rosmunda. Vivo la Vita con Passione. Ho un difetto: sono un Libero Pensatore. Ho un pregio: sono un Libero Pensatore.