Home Territorio ‘Gli amici se ne vanno’ a Il Teatro cerca casa

‘Gli amici se ne vanno’ a Il Teatro cerca casa

555
'Gli amici se ne vanno' Foto Cesare Abbate


Download PDF

Massimo Masiello in scena il 1 aprile a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Il mese di aprile de Il Teatro cerca casa si apre con un appuntamento all’insegna della musica. Sabato 1 aprile, alle ore 20:00, la rassegna diretta da Santanelli sarà ospite di un salotto teatrale in zona Varcaturo, dove andrà in scena ‘Gli amici se ne vanno – Le note ineguali di Umberto Bindi’, scritto dal duo autoriale formato da Gianmarco Cesario e Antonio Mocciola, interpretato e diretto da Massimo Masiello, con le elaborazioni musicali di Letti Sfatti.

Capostipite della canzone d’autore, appartenente alla cosiddetta “scuola genovese”, Umberto Bindi all’alba dei “favolosi” anni ’60 aveva già firmato numerosi successi, ‘Il nostro concerto’, ‘Arrivederci’, ma, pur essendo solo all’inizio di una sfolgorante e promettente carriera, ecco che improvvisamente qualcosa si inceppa nei meccanismi dello star system nostrano; la televisione gli sbarra le porte, la sua persona non è più gradita: colpevole la sua omosessualità mai rinnegata, la sua vita privata troppo fuori dagli schemi per un’Italia in cui il delitto d’onore era ancora quello che Germi definì “Divorzio all’italiana”.

Purtroppo l’ostracismo durò fino alla sua morte, nei primi anni del XXI secolo, e la sua carriera non si riprese più. Attraverso le sue canzoni e la sua storia, lo spettacolo vuole raccontare quest’episodio vergognoso di omofobia e razzismo, sperando che la vicenda umana ed artistica di Umberto resti solo un tragico esempio di un’Italia che non c’è più.

Per assistere agli spettacoli organizzati da Livia Coletta e Ileana Bonadies, è necessaria la prenotazione, attraverso il sito www.ilteatrocercacasa.it, oppure chiamando al 3343347090 – 081 578 24 60.
A chi prenota viene fornito l’indirizzo del padrone di casa che ospita lo spettacolo.

Per saperne di più si rinvia alla recensione.
Foto di scena Cesare Abbate

Print Friendly, PDF & Email