Home Rubriche Da Oriente a Occidente Fabrizio De André e l’Ingegnere

Fabrizio De André e l’Ingegnere

264
chitarrista


Download PDF

Un viaggio nel Mondo del Linguaggio Emotivo

Mondi e mondi precipitano dalla loro creazione, fino al dissolvimento, come bolle d’aria trascinate da un fiume. Brillano e scoppiano.
Shelley

Uno degli esercizi che amo maggiormente, quando mi ritiro con me stesso, è quello di prendere i versi di un poeta e indossarli su di me, trasfigurandone le parole.

E così, ogni tanto, escono cose dalle cose.

Cose come questa:

Camminando si insinuano invadenti pensieri.
Uno fra i tanti è chiedermi perché mai abbia deciso di camminare.
Ma più cammino e meno ho la necessità di comprenderne l’irriverente perché.
Cammino e basta.
Non c’è un motivo e nemmeno una meta.
Cammino a dispetto del tempo che mi sputa addosso i minuti.
Cammino nonostante tutto, malgrado il niente.
Cammino dove non c’è folla.
Nonostante la folla che c’è in me.

E perché mai da una poesia di Shelley mi sia uscita una cosa del genere?
Questo non mi è dato sapere.
Ma suggerirei di provarci anche voi.

Scegliete un poeta e trasfiguratelo con la vostra immaginazione.
Potrebbe accadere di sorprendervi leggendovi dentro.
Non è cosa dici, ma come lo dici!

Che cosa significa esattamente?

Nel corso Parlare – Scrivere – Comunicare spiego che una cosa è parlare e ben altra emozionare per mezzo delle parole.

Grande Maestro in questo campo lo fu Fabrizio De André.

Non era il tipo da scrivere banalmente:

Mi piace suonare la chitarra!

quanto piuttosto:

È bello che dove finiscono le mie dita debba, in qualche modo, cominciare una chitarra.

Si tratta perciò di allenarsi a dire cose comuni in modo diverso, sforzandosi di trovare alternative emotive.

Un altro esempio? Subito pronto:

Mi fa piacere vederti!

questo lo dicono in molti, ma:

Hai reso felice il mio cuore venendo a trovarmi!

è tutta un’altra cosa, non è vero?

Per concludere vi citerò una barzelletta inviatami da un caro amico.

Al telefono: “Buonasera ingegnere, posso disturbarla o è impegnato con il suo lavoro?”

Risposta: “Effettivamente sono molto preso con un trattamento idrotermico tensioattivo su porcellana, vetro e metallo in ambiente ad elevata tensione”.

Di rimando: “Accidenti, mi scusi, la chiamo più tardi certo, posso chiederle soltanto di che lavoro si tratta esattamente?”

E l’ingegnere: “Sto lavando i piatti sotto costrizione forzata di mia moglie!!!”

Morale della favola:

Non cosa dici, ma come lo dici, questo è il segreto!

Print Friendly, PDF & Email
natyan

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.