Home Territorio Estero Yemen: ONU, accordo per confermare tregua

Yemen: ONU, accordo per confermare tregua

204


Download PDF

In occasione della festa islamica di Eid al-Adha

Le Nazioni Unite sperano che la tregua in Yemen duri per rilanciare il processo di pace al fine di raggiungere una soluzione politica globale al conflitto in corso.

I rappresentanti del governo yemenita e del Comitato di coordinamento militare della milizia Houthi, riuniti nella capitale giordana, Amman, hanno deciso di impegnarsi a confermare l’armistizio in occasione della festa islamica di Eid al-Adha.

L’ufficio dell’inviato delle Nazioni Unite in Yemen ha affermato che, nella sessione presieduta dal Consigliere militare dell’inviato speciale, il Generale di Brigata Anthony Hayward, le due parti hanno concordato di formare una sala di coordinamento congiunta per ridurre l’escalation e contenere ogni possibile recrudescenza delle ostilità in modo tempestivo per garantire la fermezza della tregua umanitaria nel Paese.

È stato inoltre nominato un gruppo di lavoro che ha avviato discussioni tecniche, dettagliate e dirette per unificare le proposte al riguardo.

Durante l’incontro, l’inviato delle Nazioni Unite in Yemen, Hans Grundberg, ha dichiarato:

Il successo della tregua dipende, in definitiva, dalla creazione di fiducia e c’è un’opportunità per continuare a rafforzare l’impegno per la tregua durante il periodo dell’Eid.

Grundberg ha accolto con favore l’impegno del Comitato di coordinamento militare a lavorare per un’efficace riduzione dell’escalation.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.