Home Territorio Estero Yemen: Houthi sottraggono stipendi dipendenti pubblici Hodeidah

Yemen: Houthi sottraggono stipendi dipendenti pubblici Hodeidah

1169
Riyal Yemen


Download PDF

In violazione degli accordi presi con l’ONU

Il governo yemenita ha accusato la milizia ribelle Houthi di aver saccheggiato 35 miliardi di riyal yemeniti, 35 mila euro, dalla banca centrale di Hodeidah, destinati a pagare gli stipendi degli impiegati statali.

In una nota l’esecutivo del Presidente Abde Rabbo Mansur Hadi considera questa azione come una flagrante violazione degli accordi concordati con l’Ufficio dell’Inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite allo Yemen.

In un comunicato stampa, il Ministero degli Affari Esteri yemenita ha condannato la milizia Houthi per aver saccheggiato le entrate derivanti dalle tasse sulle importazioni dei derivati ​​dal petrolio dal conto speciale della Banca centrale di Hodeidah, assegnati per pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici.

Questo comportamento è una palese violazione delle intese sulle procedure provvisorie per l’importazione dei derivati ​​del petrolio nel porto di Hodeidah, concordato con l’ufficio dell’inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite nello Yemen.

Nella sua dichiarazione, il Ministero degli esteri yemenita ha affermato che la milizia Houthi continua a eludere l’attuazione di accordi e impegni provando la sua riluttanza per la pace e il suo continuo saccheggio degli aiuti internazionali, ma anche degli stipendi degli impiegati, nell’interesse di alimentare la sua guerra nello Yemen.

Fonte: https://www.alarabiya.net/ar/arab-and-world/yemen/2020/05/18/-الحوثي-تنهب-35-مليار-ريال-مرتبات-موظفي-الدولة-بالحديدة-.html

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.