Il Tiranno – Il Grande Altro

Il Tiranno – Il Grande Altro

595
Il Tiranno - Il Grande Altro


Download PDF

Il Tiranno - Il Grande Altro

Colui che vi domina così tanto ha solo due occhi, due mani, un corpo, non ha niente di diverso da quanto ha il più piccolo uomo delle vostre città, eccetto il vantaggio che voi gli fornite per distruggervi.

Da dove prenderebbe i tanti occhi con cui vi spia, se voi non glieli forniste?

Come farebbe ad avere tante mani per colpirvi se non le prendesse da voi?

I piedi con cui calpesta le vostre città, donde gli verrebbero se non fossero i vostri?

Ha forse un potere su di voi se non fosse li vostro?

Come oserebbe attaccarvi se voi non foste d’accordo? […] arredate le vostre case per farvele derubare […] nutrite i vostri figli perché nella migliore delle ipotesi li mandi a combattere le sue guerre […]  li faccia strumenti della sua avidità […]

Vi indebolite affinché egli diventi più forte e più duro per stringervi la briglia. […] non voglio che vi scontriate con lui o che lo facciate crollare, limitatevi a non sostenerlo più, e lo vedrete, come un grande colosso cui sia stata sottratta la base, cadere d’un pezzo e rompersi.

Vale la pena di leggere e riflettere sulle parole di Étienne de La Boétie contenute nel ‘Discours de la Servitude Volontaire’ nella traduzione di Fabio Ciaramelli, Editrice La Rosa, 1995, che così configurano la persona del Tiranno.

Già, il Tiranno, colui che esercita forme di governo in modo dispotico e crudele, accentrando in sé tutti i poteri statuali e politici, anche per finalità economiche, utilizzando mezzi che non siano solo militari, legislativi e giudiziari.

In senso figurato, infatti, è riferito non soltanto a persone ma anche a situazioni e fatti che costringono a determinati comportamenti, o impongono limiti e restrizioni.

Vi è giustificato motivo di pensare che la degradazione del comportamento da abitudine a dipendenza, proprio come una malattia, contenga una noxa patogena. E codesta è quella violenza psicologica forte fino alla tirannia operata da un nuovo Tiranno il Grande Altro.

https://www.expartibus.it/il-grande-altro/

Non credo sia una interpretazione, bensì una rappresentazione simbolica e calzante di ciò che accade nei giorni nostri.

Il progresso umano dell’Umanità ha bisogno di Uomini che non si ammansiscano nemmeno a ciò che hanno alla portata del braccio. Anche se è tecnologicamente smart.

Il progresso umano dell’Umanità ha bisogno di Uomini che prestano attenzione al prima ed al dopo, ricordano il passato e, pensando al futuro, valutano il presente.

Uomini che allenano, pertanto, la loro intelligenza all’aumento delle conoscenze come all’esercizio del sapere.

Sebbene non siano più i tempi illuministici e risorgimentali di sciabole e moschetti, alcuni allenano ed esercitano sempre più la loro mens heroica.

https://www.expartibus.it/eroicamente/

Print Friendly, PDF & Email
Alfredo Marinelli

Autore Alfredo Marinelli

Alfredo Marinelli è Professore di Oncologia presso l’Università Federico II di Napoli, nonché docente e componente del board scientifico dell’Istituto di Psicologia Umanistica Esistenziale “Luigi De Marchi” di Roma. Oltre che di pubblicazioni scientifiche è coautore di testi universitari per Mcgrow Hill et al. È componente del Grande Oriente d’Italia – Massoneria Universale. Profilo ed attività presenti su www.Linkedin.com