Home Rubriche Gemme di celluloide Miele, la “dolce fine” per l’esordio alla regia di Valeria Golino

Miele, la “dolce fine” per l’esordio alla regia di Valeria Golino

703


Download PDF

Valeria Golino ha scelto una storia scomoda, alquanto difficile da raccontare, per il suo esordio cinematografico dietro la macchina da presa.

La protagonista di ‘Miele’ è Irene, una trentenne romana di buona famiglia, che ha deciso di aiutare le persone che soffrono: non è una volontaria, non è una missionaria, non fa parte di alcuna associazione umanitaria, aiuta i malati terminali ad abbreviare la loro agonia consegnando loro un barbiturico illegale in Italia e spiegando come usarlo per mettere fine, una volta per tutte, alle sofferenze che intaccano la loro dignità di essere umano.

Irene fa questo come lavoro e si fa pagare piuttosto caro anche perché i suoi viaggi in Messico per acquistare il barbiturico sono rischiosi così come i contatti che le procura, di volta in volta, un amico che lavora in ospedale e che fa da tramite tra la donna e il medico che la usa per non sporcarsi mani e coscienza.

Irene in ambito lavorativo si fa chiamare Miele, perché addolcisce l’angoscia dei malati accompagnandoli in quello che per altri è il momento più atroce della vita, mentre per loro è la liberazione dal dolore e dalle sofferenze.

Un giorno, a richiedere il suo servizio, è un settantenne in buona salute che vuole farla finita semplicemente perché crede di aver vissuto abbastanza e non ha più stimoli per il futuro né pensa di poter aspirare a nuove emozioni.

L’anomala richiesta e l’incontro con quest’uomo metteranno in discussione tutte le scelte fatte da Miele fino ad allora e sarà la conoscenza reciproca a scuotere le loro convinzioni e l’apatia emotiva a cui si erano abbandonati.

Un film minimalista può essere mille volte più intenso di un kolossal o di un melodramma strappalacrime e ‘Miele’ raggiunge lo spettatore grazie ad una narrazione cruda che porta direttamente a fare i conti con la figura della protagonista.

Nonostante la Golino, così come Covacich nel romanzo ‘A nome tuo’ da cui è tratta la pellicola, non si esponga prendendo posizione radicale pro o contro il lavoro di Miele, chi guarda d’istinto appoggia o condanna l’idea del suicidio assistito.

Ciò che più colpisce dell’opera è che comunque la si pensi, qualunque sia la posizione assunta nei confronti di Miele, dopo i primi minuti è inevitabile assistere all’evoluzione della storia ponendosi ulteriori domande e scoprendo il lato umano della protagonista cercando di scollegarla dal suo lavoro.

Dubbi che aumentano con l’arrivo in scena dell’ingegnere che vuole morire, con i battibecchi tra lui e Miele, con l’infittirsi di un’ambigua relazione tra i due che pare risvegliare nell’uno interesse per una vita da cui non aspettava più nulla e nell’altra una spontaneità affettiva che credeva morta insieme alla madre qualche anno prima.

Eccezionali Jasmine Trinca nei panni di Miele e un mastodontico Carlo Cecchi in quelli dell’ingegnere, ma non si può sottovalutare il resto del cast che dai bravissimi Roberto De Francesco e Iaia Forte, scuola inconfondibile Teatro Studio e Teatri Uniti di Napoli, arriva a Vinicio Marchioni e Libero De Rienzo, figure maschili che, come il padre di Irene, interpretato da Massimiliano Iacolucci, fanno da contraltare all’ingegnere per la ragazza che, seppure voglia bene in modo diverso ad ognuno di loro, mai prima di incontrare quell’uomo si era sentita davvero libera di esprimere se stessa e le sue sensazioni.

L’esordio della regista Golino è più che positivo e l’atmosfera autoriale che si respira durante tutto il film ha un sapore spontaneo, lontano anni luce dalle velleità stilistiche di giovani esordienti troppo preoccupati di sorprendere coi movimenti di macchina piuttosto che con una direzione al servizio di una storia che valga la pena raccontare; a conferma del lodevole lavoro la partecipazione di ‘Miele’ nella sezione ‘Un Certain Regard’ dell’edizione numero 66 del Festival di Cannes.

Alcune scelte apprezzabili vanno sottolineate, come l’assenza di colonna sonora: c’è esclusivamente la musica che stanno ascoltando i protagonisti quasi ad eliminare ogni barriera esterna a ciò che è in scena tra personaggio e spettatore.

Le immagini di bellezza mostrate nel film non vengono mai godute appieno, sia che riguardino la città di Roma che la vista del mare da casa di Miele, sia che ci si trovi nell’oasi di Maccarese o al cospetto della nudità di Jasmine Trinca; c’è un velo inconfondibile e incancellabile che incombe sulle scene come se non ci si potesse liberare dell’argomento che si sta trattando nella storia.

L’ottimo risultato di ‘Miele’ è dovuto anche ad una manovalanza di artigiani del Cinema che andrebbe citata ed elogiata costantemente per la bravura che dimostra.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Paco De Renzis

Nato tra le braccia di Partenope e cresciuto alle falde del Vesuvio, inguaribile cinefilo dalla tenera età… per "colpa" delle visioni premature de 'Il Padrino' e della 'Trilogia del Dollaro' di Sergio Leone. Indole e animo partenopeo lo rendono fiero conterraneo di Totò e Troisi come di Francesco Rosi e Paolo Sorrentino. L’unico film che ancora detiene il record per averlo fatto addormentare al cinema è 'Il Signore degli Anelli', ma Tolkien comparendogli in sogno lo ha già perdonato dicendogli che per sua fortuna lui è morto molto tempo prima di vederlo. Da quando scrive della Settima Arte ha come missione la diffusione dei film del passato e "spingere" la gente ad andare al Cinema stimolandone la curiosità attraverso i suoi articoli… ma visto i dati sconfortanti degli incassi negli ultimi anni pare il suo impegno stia avendo esattamente l’effetto contrario. Incurante della povertà dei botteghini, vagamente preoccupato per le sue tasche vuote, imperterrito continua la missione da giornalista pubblicista.