Home Musica ‘Io mi chiamo Achille’, nuovo singolo di Fabio Guglielmino

‘Io mi chiamo Achille’, nuovo singolo di Fabio Guglielmino

561


Download PDF

Nel nuovo brano il divo arcaico ma pop

Riceviamo e pubblichiamo.

A pochi giorni da ‘È già tempesta’, Fabio Guglielmino rilascia un altro singolo, dal titolo ‘Io mi chiamo Achille’: ancora una volta il cantautore sceglie una figura molto “pop”, dalla bellezza pura – essendo figlio di una dea marina – e dalla grande sensibilità.

Achille suona la cetra e canta, non è forte ma è veloce, ha deciso il suo destino e si abbandona all’Eros. Nell’Iliade deve vendicare il compagno Patroclo che si sacrifica al posto suo dopo essere quasi impazzito. Achille quindi è anche ira, è passione all’estremo, un divo Arcaico.

Un personaggio che si racconta, che si sfoga e che pretende di essere ascoltato e capito, quasi come una rockstar maledetta: Fabio Guglielmino si specchia in questo eroe e lo fa protagonista del suo brano. La domanda è una: nonostante le pretese degli altri, chi siamo realmente? È per questo che il pezzo porta il titolo ‘Io mi chiamo Achille’.

Come il precedente, anche questo è un brano molto pop, dal ritmo volutamente martellante e ripetitivo, un loop di accordi che sottolineano un monologo interiore, per poi esplodere in un ritornello ricco, sfarzoso dall’animo rock sebbene strizzi l’occhio all’indie moderno con i synth che richiamano gli anni ’80.

Per il videoclip la scelta del modello che interpretasse questa figura mitica e straordinariamente bella – tanto da far paura all’esercito avversario ai greci – è ricaduta sul modello palermitano Sirio. Patroclo invece è il giovane attore Cosimo Urso. Per la realizzazione Claudio di Trapani ha curato riprese e montaggio.

A questa canzone e a tutto il disco che ne porta il nome è correlato un progetto fotografico sviluppato con Giovanni Vecchi, parte del quale è possibile ammirare nei canali social di Fabio e nel lyric clip del brano sempre sul suo canale YouTube ufficiale.

La musica è curata dalla collaudata squadra di musicisti formata da Daniele Zimmardi, batteria, Salvatore Matropaolo, basso, Fabrizio Averna e Silvio Messina, sintetizzatori, e Fabio Guglielmino, voci e chitarre. Il brano è stato registrato da Marco Guglielmino, mixato da Teo Colomberotto, masterizzato da Eleven Mastering.

Print Friendly, PDF & Email