Home Rubriche Risvegli Il Natale dell’infanzia

Il Natale dell’infanzia

909
Il Natale dell'infanzia


Download PDF

Il profumo delle caldarroste ancora fumanti sul tavolo, l’odore delle bucce di mandarini lasciati nel piatto, pentole e pentolini che riscaldano le varie pietanze della giusta stagione invernale: ognuna di queste immagini, ognuno di questi antichi sapori, è un rimando a quello che oggi definisco “il Natale dell’infanzia”.

Quando la tua altezza supera di poco il tavolo della cucina tutto ti appare in una visione prettamente “lucida”. Il tuo sguardo è rivolto con curiosità alle stelle di quel cielo a cui ti rivolgerai in futuro, inviandogli ogni tuo sospiroso respiro.

L’attesa delle scatole da regalo, la preparazione degli addobbi per la casa: tutto, ogni cosa, inizia a risplendere di una luce particolare, che sembra discendere da un autentico vibrato di grazia”.

E adesso, che mi ricordo di quei momenti, del calore e dell’amore vero e incondizionato lasciato da chi purtroppo non è più presente nella materia comune, mi viene di fare un balzo dentro il mio essere e cercare di intuire me.

Ed è così che mi sento figlio; e nuovamente mi sento padre; e so di essere tutto ciò che ho voluto e desiderato: sento la mia anima bruciare come seta nel fuoco e percepisco il mio spirito, nel suo dimensionale e perpetuo presente, ad attenderla come il più fedele e innamorato degli sposi, al solo fine di saggiare l’integrità della sua conoscenza, dell’esperienza nell’umana materia.

Il freddo mattutino; le prime spruzzate di neve sui monti vicino casa; il suono delle zampogne dei suonatori di strada in lontananza; il fumo sprigionato dai caminetti delle ville che portano nell’aria il calore del focolare domestico: tutto questo c’è sempre stato, ma se lo ricordo come quando visualizzavo e ascoltavo ognuna di queste immagini, ognuno di questi suoni, quando ero alto poco più di un tavolo, allora tutto assume una nitidezza e una valenza diversa, qualitativamente superiore.

Il ricordo dell’amore puro non ha eguali: l’autenticità dei momenti vissuti intorno all’importanza del Natale, durante l’infanzia, è di valore inestimabile.

È un bagaglio di conoscenza che porti sempre con te; ed è per questo che ti sembra quasi di percepire la carezza sul volto da parte della più amorevole delle madri; oppure, la sicura pacca sulla spalla di un padre, che ti ha amato nell’ombra del suo silenzio: tutto ti appare nitido e chiaro, come mai lo era stato prima.

L’anima non dimentica mai l’amore ricevuto: e il Natale dell’infanzia” è il mezzo con cui la sposa eletta dello spirito lo trae fuori dai meandri dell’antica memoria.

A volte basta un solo tinnito per riportare alla luce l’autenticità di un ricordo, che donandoti un genuino sorriso, ti restituisce alla profondità dell’amore.

E così inizi a camminare; percorri i sentieri delle immagini spirituali custodite nelle segrete della tua mente; scivoli per la rapide del tuo cuore; strappi via la fuliggine dalle stanze che non frequentavi più sin da quando l’infanzia ha ceduto il testimone all’età adulta: lì, in quello spazio indefinito, dove il tempo torna nel suo perpetuo presente, ti orienti verso te stesso, in un’unica direzione, al centro di te.

E, soltanto allora, in quel preciso istante e in quel perfetto punto di te, che ritorni in armonioso equilibrio e non sai solo guardare, bensì riesci anche a vedere.

Il tuo sguardo ritorna vivido e lucente e nessun altro può più derubarti della “pace” che hai dentro: la speranza si rinvigorisce e nuove strade si aprono innanzi a te: attraverso il “Natale dell’infanzia” puoi cosi tornare a baciare la Vita.

Print Friendly, PDF & Email
Antonio Masullo

Autore Antonio Masullo

Antonio Masullo, giornalista pubblicista, avvocato penalista ed esperto in telecomunicazioni, vive e lavora a Napoli. Autore di quattro romanzi, "Solo di passaggio", "Namastè", "Il diario di Alma" e "Shoah - La cintura del Male".