Home Territorio Estero Arabia Saudita: più di 5 milioni di visitatori alla Riyadh Season

Arabia Saudita: più di 5 milioni di visitatori alla Riyadh Season

393


Download PDF

Inaugurata la sua area più grande, ‘Boulevard World’, che è stata lanciata con lo slogan ‘Il mondo nelle tue mani’, per evidenziare attraverso le sue esperienze 10 civiltà in tutto il mondo, ed è stata caratterizzata da circa 120 attività

I visitatori della Riyadh Season 2022 sono stati 5 milioni, dal suo lancio avvenuto circa un mese fa. Lo ha annunciato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione della General Entertainment Authority, il Consigliere Turki bin Abdul Mohsen Al Sheikh.

L’avvenimento ha visto l’inaugurazione della sua area più grande all’inizio della settimana, ‘Boulevard World’, che è stata lanciata con lo slogan ‘The World in Your Hands’ per evidenziare attraverso le sue enormi esperienze 10 civiltà in tutto il mondo, ed è stata caratterizzata da circa 120 attività che attirano vari visitatori.

Le zone della Season hanno annunciato più di una volta di aver raggiunto la loro piena capacità grazie all’elevata richiesta di biglietti per i loro vari eventi ed esperienze che variano tra festival, mostre, spettacoli teatrali, concerti e grandi spettacoli.

https://twitter.com/Turki_alalshikh/status/1597300262435028992?s=20&t=0WPnwvC9YvHqAqLzD3OG2Q

La stagione è riuscita a presentare la più ampia varietà di eventi ai suoi visitatori con interessi diversi, attraverso il Ferrari Festival, il ‘Fan Festival’ che accompagna le attività della Coppa del Mondo, le esibizioni della band Mayass, Anime Town, Boulevard Eve, il Black Hat evento, il Festival delle Culture nel Parco Al Suwaidi, così come la commedia del filosofo, i sapori di Riyadh Sky, e la notte di Asala, Mohamed Abdo e i suoi amici, e molti eventi arricchenti che hanno sfamato i vari visitatori.

La Riyadh Season 2022 si svolge lungo 15 aree di intrattenimento, attente alla qualità della vita dei residenti e dei visitatori di Riyadh. Rinfrescano le loro notti con esperienze magiche che approfondiscono il loro senso della qualità della vita e godono dell’atmosfera invernale. È un forum che contribuisce alla convergenza delle culture, aumenta le opportunità di crescita economica, abilita gli affari, attrae investimenti di qualità e riflette sull’aumento dei posti di lavoro ricreativi nel Regno.

L’evento conta su 15 diverse aree ricreative, tra cui il più grande lago artificiale del mondo, trasporto in funivia, lounge avvolgenti, oltre al Cirque du Soleil internazionale e un gruppo di eventi sportivi come WWE e Riyadh Season Cup che riunisce la squadra del Paris Saint-Germain con le stelle di Al Hilal.

Contiene anche un folto gruppo di spettacoli sauditi e arabi, una serie di concerti, mostre locali e internazionali nel campo degli anime, dei profumi e dei giochi, e varie attività per famiglie, singoli e bambini.

Il multiculturale Boulevard World, una delle zone più attese della Riyadh Season. La zona appena istituita è una delle 15 zone aperte quest’anno che sono state lanciate gradualmente da ottobre. Le 15 zone includono Boulevard Riyadh City, Sky Riyadh, Winter Wonderland, Via Riyadh e Riyadh Zoo.

L’area multiculturale offre ai visitatori un’esperienza completa per spostarsi da un Paese all’altro. La sezione dell’India in Boulevard World, ad esempio, ha una replica del Taj Mahal, mentre in quella dell’Italia i visitatori possono godere di emozioni simili a Venezia. Altri Paesi presenti sono Stati Uniti, Francia, Grecia, Cina, Spagna, Giappone, Marocco e Messico.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.