Home Territorio ‘Amore… non buttarti giù’ al Teatro La Giostra

‘Amore… non buttarti giù’ al Teatro La Giostra

579
'Amore... non buttarti giù'


Download PDF

In scena dal 30 marzo al 2 aprile a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Dal 30 marzo al 2 aprile 2017, giovedì e venerdì alle ore 21:00, sabato e domenica alle ore 18:00, va in scena, al Teatro La Giostra, via Speranzella 81, Napoli, nei pressi di piazzetta Augusteo, la commedia pop ‘Amore… non buttarti giù’, liberamente ispirata a ‘Luv’ di Murray Schisgal, commedia scritta nel 1964, fu interpretata in Italia, due anni dopo, da Franca Valeri, Gianrico Tedeschi e Walter Chiari e nel 1968 divenne un film con Jack Lemmon e Peter Falck.

La regia è firmata da Lucio Allocca e in scena Rosario D’Angelo, Ettore Nigro e Loretta Palo daranno vita ai tre nevrotici personaggi, Milt, Harry ed Ellen, che giocano al matrimonio e al divorzio in un’alternanza di combinazioni.

La trama è quella classica del triangolo, riletta da un umorismo alla Woody Allen, con Harry Berlin, interpretato da Ettore Nigro, letterato inconcludente e incapace di vivere, il suo compagno di college Milt Manville, Rosario D’Angelo, vanitoso uomo di successo ossessionato dal denaro e dal potere, e dalla moglie di Milt, Ellen, Loretta Palo, donna moderna, colta e razionale, che farebbe a meno della sua intelligenza pur di realizzarsi come mogliettina tradizionale.

Tra tentati suicidi e omicidi falliti che si consumano sul ponte di Brooklyn, tra una panchina, un bidone della spazzatura e lo skyline di New York, i tre alternativamente si risvegliano all’amore e ricadono nella solitudine, muovendosi tra traumi d’infanzia, entusiasmi amorosi e desideri inconfessabili.

Note di regia
In un luogo periferico-metaforico, un ponte su un fiume di una grande città che si intravede da lontano, si intrecciano le storie personali e di coppia dei tre protagonisti.
I personaggi, lontani dalla realtà che li circonda, ‘sospesi’ tra il ‘rappresentarsi’ e il ‘confessarsi’, tra realtà e finzione, in un’altalenante ambiguità, sono tutti compresi nel tentativo difficile, schizofrenico e nevrotico, di comporre la propria esistenza.

Il ponte taglierà in diagonale lo spazio scenico, limitato da quinte con pubblicità della Coca Cola di Andy Warhol; mentre la colonna sonora sarà una citazione delle musiche da film che hanno segnato la produzione cinematografica di quegli anni e quelli precedenti, mixata con suoni d’ambiente, sirene di autoambulanze, quelle della police, navi da trasporto, rumori d’argano di navi da carico e quant’altro.

La commedia è ‘sospesa’ tra la ‘Dark Clownerie’ e lo stile di scrittura di Woody Allen.

‘Luv’ vuol proprio dire amore, ma è una corruzione della parola inglese ‘love’. In questo modo il commediografo Murray Schisgal ha indicato già nel titolo la tesi della sua commedia: ‘L’amore è diventato un oggetto di scambio o di consumo più che un sentimento’.

Si tratta di tre personaggi, Harry, Milt ed Ellen, che giocano al matrimonio e al divorzio in un’alternanza di combinazioni. Nel ’64 la commedia ebbe successo a New York con la prestigiosa regia di Mike Nichols e gli interpreti Alan Arkin, E.H. Wallach e Anne Jackson.
Lucio Allocca

Costumi Giovanna Napoletano. Scene Tiziana Scialò. Fotografie Tiziana Mastropasqua.
Ingresso/tessera: €10,00.
È possibile prenotare il biglietto tramite WhatsApp 347-1012863.

Recensione.

'Amore... non buttarti giù'

Print Friendly, PDF & Email