Home Territorio Estero Yemen: importanti progressi ai colloqui di Riad

Yemen: importanti progressi ai colloqui di Riad

229
colloqui riad


Download PDF

L’esercito yemenita accusa la milizia Houthi di aver violato la tregua a Marib, Taiz e Hodeidah e conferma il suo impegno nella tregua così come la Coalizione

Si registrano importanti progressi nei colloqui tra le parti yemenite in corso nella capitale saudita, Riad, che vanno avanti per il sesto giorno, sotto la sponsorizzazione del Consiglio di cooperazione del Golfo.
I delegati che hanno partecipato alle consultazioni finora hanno registrato progressi significativi nelle discussioni su questioni politiche, militari, di sicurezza ed economiche.

Un politico yemenita ha rivelato alla Tv “Al-Arabiya” che i mini-gruppi di lavoro hanno discusso delle sfide che lo Yemen deve affrontare politicamente, in particolare per quanto riguarda l’intransigenza della milizia Houthi e il suo ostacolo agli sforzi di pace, oltre ad avvicinare i punti di vista e superare le differenze tra le componenti che partecipano al confronto su diversi temi.

Le sessioni hanno anche affrontato il discorso della situazione della sicurezza, militare ed economica, identificando i focolai di squilibri e corruzione, oltre alle sfide umanitarie, sociali e mediatiche, cercando di dare priorità alle questioni che richiedono un trattamento immediato.

>Intanto, il portavoce dell’esercito yemenita, il generale di brigata Abdo Majali, ha rivelato che la milizia Houthi non ha rispettato la tregua dichiarata delle Nazioni Unite, parlando di diverse violazioni sui fronti di Marib, Taiz e Hodeidah.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.