Home Sport Rally di Germania: La prima di Sordo nella tana VW

Rally di Germania: La prima di Sordo nella tana VW

1086
Sordo vince la sua prima gara nel mondiale sull'asfalto tedesco
Sordo vince la sua prima gara nel mondiale sull'asfalto tedesco


Download PDF
Prima vittoria nel Mondiale per Dani Sordo che con la Citroen vince in casa della VW. Sul podio Neuville e Hirvonen. Ogier e Latvala sbagliano mentre erano in testa. Kubica al top in WRC2.

Doppio podio per Citroen: Prima vittoria per Sordo, Hirvonen terzo senza grinta.
Dani Sordo rompe il sortilegio e dopo una sfilza innumerevole di secondi posti vince finalmente il suo primo rally iridato. Dopo il ritiro degli alfieri VW, che gli erano davanti, il pilota spagnolo intuisce che potrebbe esser la volta buona e finalmente centra il bersaglio grosso dopo una splendida lotta con Neuville fino all’ultima PS. La Citroen vince in casa della Volkswagen e grazie anche al podio di Hirvonen si avvicina alla VW in classifica costruttori; servirà però che il finlandese si dia una mossa perché con l’Hirvonen visto fino a questo punto della stagione, sarà ben difficile bissare il titolo.

Neuville meraviglia sfiora l’impresa. Prokop quarto di nobiltà.
Ormai non è più una sorpresa per nessuno: Thierry Neuville è ufficialmente la rivelazione di questo mondiale. Il giovane belga ha unito la sua innata velocità a una gestione gara da veterano. In Germania la vittoria sembrava essere alla sua portata dopo l’uscita delle due VW e solo uno specialista dell’asfalto come Sordo è riuscito nell’impresa di strappargli la leadership. Le Ford Fiesta, pur non supportate ufficialmente dalla casa madre, si sono mostrate ancora una volta competitive a dimostrazione dell’ottima organizzazione di Malcom Wilson. Peccato per gli errori dei suoi piloti Ostberg e Novikov, capaci di commettere errori a ripetizione, compromettendo il risultato finale. Ottimo invece il risultato del Ceco Martin Prokop, autore di una gara regolare che l’ha portato al quarto posto finale, suo miglior risultato da quando corre nel Mondiale.

Disfatta VW: Errori terribili dei piloti.
Pesantissimi gli errori degli alfieri della casa di Wolfsburg che gettano alle ortiche un possibile trionfo in casa uscendo di strada mentre erano in testa. Ogier va k.o. nella prima giornata di gara a causa di una toccata al posteriore mentre Latvala lo emula due giorni dopo. Entrambi ripartiranno il giorno dopo grazie al Rally2 ed entrambi prenderanno punti: Latvala chiuderà settimo mentre Ogier vincerà la Power Stage che chiuderà il rally.

Kubica vince ancora in WRC2 e diventa Leader in Classifica
Kubica vince ancora in WRC2 e diventa Leader in Classifica

Ancora Kubica in WRC2. Il polacco vince e balza al comando della classifica!
Robert Kubica non smette di stupire. Il Polacco su Citroen Ds3 RRC vince davanti a Evans il WRC2 dopo una lotta durata per tutti e quattro giorni di gara. I due se le sono date a suon d’intertempi, commettendo errori e spremendo le loro vetture al massimo, ottenendo addirittura il quinto e sesto posto finale! Con questa vittoria Kubica passa al comando della classifica di gruppo davanti ad Al-Kuwari e Fuchs.

In classifica Mondiale non cambia nulla con Ogier sempre leader con ampio margine sul belga Neuville e il compagno Latvala. Il francese potrebbe festeggiare l’iride già nella prossima prova che si terrà in Australia fra due settimane. Resta in bilico invece il titolo squadre con la VW che ha visto ridursi il vantaggio sulla Citroen a ventisei punti quando mancano quattro gare al termine del campionato. Ci sarà ancora da divertirsi.

Nunzio Iervolino

ORDINE D’ARRIVO          MONDIALE PILOTI          MONDIALE COSTRUTTORI

Print Friendly, PDF & Email
Nunzio Iervolino

Autore Nunzio Iervolino

Classe '84 da San Giuseppe Vesuviano...innamorato della vita e di tutto ciò che abbia un motore e delle ruote... Le quattro ruote sono sempre state un affare di famiglia e sembra che le mie prime "sgommate" risalgano ai tempi del pancione materno ma di queste non si hanno prova se non la testimonianza della "vittima" (mamma, se non ci fosse bisognerebbe inventarla), mentre la scintilla che ha fatto entrare le due ruote nel mio cuore è stata il vedere una Kawasaki Ninja buttarsi in piega in uno spazio strettissimo sulla Costiera Amalfitana. Da li è stato un continuo inseguimento alle mia passioni, culminato con l'acquisto di un Kart e qualche anno dopo della mia prima moto (dopo aver tirato il collo a quelle di amici). Evidentemente la cosa non deve essere andata giù a qualche automobilista che una sera dello scorso Aprile ha fatto strike mandandomi K.O. senza neanche fermarsi per soccorrermi, Adesso, col cuore infranto e senza motori sfogo la mia rabbia e la mia passione scrivendo qui...abbiate pietà di un povero ex centauro!!!