Home Rubriche Da Oriente a Occidente Parole perdute?

Parole perdute?

163
Parole perdute


Download PDF

Il riscatto della fragilità

Quello che un tempo definivi come un delicato colore, oggi lo chiami grigiore.
A cosa mi riferisco? Ai valori perduti dell’etimologia.
È un vero peccato che le parole, nel tempo, possano perdere il proprio reale e completo significato.

Ed è ovviamente in questo modo che, l’essere fragili, può diventare un’offesa, poiché i dizionari comuni abbinano la fragilità solo a qualcosa, o qualcuno, che abbia una consistenza debole, incapace a resistere; valutando unicamente l’aspetto ombroso, debilitato.

Perseguitato dalla mia ignoranza ho voluto approfondire l’etimologia delle parole acquistando il ‘Dizionario analogico della lingua italiana’ – consiglio recepito da una lettura di Eugenio Borgna – e, con felice sorpresa, ho potuto constatare che la fragilità non è fatta solo di ombre, bensì anche di luminosa consistenza.

La persona additata come fragile, perciò, non è soltanto una creatura priva di forza, bensì anche colma di delicatezza, di profonda sensibilità e di sentimenti umanistici.

Perdendone il completo significato rischiamo di etichettare la fragilità come qualcosa esclusivamente di negativo, depauperandolo degli aspetti che la rendono incline alla speranza, ai sogni silenziosi del proprio cuore e agli intenti pacifici e pacificanti poiché, proprio chi è fragile, riconosce più facilmente degli altri l’inconsistenza delle guerre e delle armi.

La creatura fragile può rompersi dentro, ma difficilmente distruggerà qualcosa fuori di sé!

Tratto dal Corso Parlare – Scrivere – Comunicare – Counseling Filosofico

Resta aggiornato sui Programmi Gayatri 

Print Friendly, PDF & Email
natyan

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.