Home Sport Mercato fallimentare per il Napoli. Inizio di stagione in salita

Mercato fallimentare per il Napoli. Inizio di stagione in salita

475


Download PDF

Non arriverà Fellaini né Lucas Leiva né Sandro. Benitez si dovrà accontentare di David Lopez in uscita dall’Espanyol per completare il suo centrocampo. I sogni estivi dei tifosi azzurri sono sfumati al San Mames, dove il Napoli ha subito una umiliante sconfitta ad opera di una squadra che si è dimostrata in forma e cinica. La società azzurra non può avere rammarichi per il difficile inizio di stagione, segnato dalla mancata qualificazione alla Champions: la squadra va costruita prima dei grandi impegni e non dopo aver avuto tutte le garanzie economiche. La rabbia dei tifosi è giustificata: è impensabile presentarsi a un preliminare di Champions con Gargano, giocatore ormai considerato fuori dal progetto Napoli, in campo per 180 minuti, e con Britos, che sembrava sul piede della partenza, nel ruolo di terzino.

Il verdetto del San Mames non ammette repliche: dimostra che la squadra non è pronta per essere protagonista nella prossima stagione. Senza i rinforzi promessi dalla dirigenza la squadra non potrà assolutamente mantenere il passo della Juventus e della Roma, che hanno ripreso la loro marcia inarrestabile vincendo la prima di campionato, rispettivamente 0-1 a Verona contro il Chievo e 2-0 all’Olimpico. Il mercato estivo ha consegnato a Benitez una squadra decisamente indebolita rispetto alla scorsa stagione: in difesa è arrivato Koulibaly, difensore promettente ma ancora acerbo, ma è partito Fernandez, che ormai iniziava ad essere una garanzia; la mediana risulta la zona del campo senza dubbio più debole per la mancanza di giocatori di qualità che sappiano impostare il gioco; solo il campo ci dirà cosa potranno dare de Guzman e David Lopez più di Behrami, omai ceduto, e Džemaili, quasi sicuramente in partenza; in attacco Michu, tanto sponsorizzato da Benitez, ma che nel suo esordio al San Paolo contro l’Athletic Bilbao si è divorato un gol a porta vuota, dovrà dimostrare che anche in Italia è in grado di incidere come faceva in Premier. La nostra opinione è che il Napoli nell’ultima sessione di mercato non ha fatto il salto di qualità che gli consentirebbe di puntare allo scudetto, e non crediamo che nelle ultime ore Bigon possa mettere a segno qualche colpo a sorpresa. Le stesse dichiarazioni del tecnico spagnolo (“Abbiamo provato a prendere un numero uno a centrocampo, abbiamo fatto il possibile”) testimoniano le difficoltà di arrivare ai top players: è ovviamente impossibile arrivare a dei campioni con un budget limitato e senza garantire la partecipazione alla Champions.

L’inizio della stagione partenopea si profila, così, particolarmente teso e in salita. La disfatta di Bilbao ha compromesso il mercato azzurro e, di conseguenza, come un’ombra si proietterà sul cammino della squadra per tutta la stagione. Forse il patron azzurro De Laurentiis avrebbe fatto meglio a non promettere lo scudetto, come ormai fa da anni durante il ritiro a Dimaro: quest’anno sulla griglia di partenza le favorite sono Juventus e Roma, reduci da un ottimo mercato; il terzo posto sarà conteso da Napoli, Fiorentina e dalle due milanesi. Gli azzurri dovranno sperare che il cammino in campionato di Juventus e Roma sia frenato dalla partecipazione alla Champions. Ovviamente non si dimentichi che resta la Coppa Italia, premio di consolazione che De Laurentiis si sta abituando ad alzare come fosse la coppa dalle grandi orecchie.

Carmelo Cutolo

Print Friendly, PDF & Email