Home Toscana Regione Toscana Meeting diritti umani, Giani: Uguaglianza donne questione centrale

Meeting diritti umani, Giani: Uguaglianza donne questione centrale

342
Eugenio Giani


Download PDF

La XXV edizione, svoltasi in versione talk trasmesso in streaming, aperta dal saluto dell’Assessore Nardini

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

La Toscana che si batte per l’uguaglianza delle donne, ‘la questione in questo momento più importante’.

E che saluta la scarcerazione di Patrick Zaky:

un ragazzo che ha interpretato il senso e il significato dei diritti e della libertà di ogni essere umano, noi toscani siamo con lui e lo aspettiamo.

Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani nel suo intervento dal palco dell’Auditorium di Sant’Apollonia di Firenze definisce la cornice che ha contraddistinto questo 10 dicembre, Giornata mondiale dei diritti umani, in cui anche quest’anno, il venticinquesimo, Regione Toscana, assieme a Fondazione Sistema Toscana, nell’ambito di Giovanisì, ha organizzato il Meeting dei diritti umani coinvolgendo studentesse e studenti delle scuole secondarie della regione.

L’edizione 2021 della manifestazione, svoltasi in versione talk trasmesso in streaming a causa del perdurare delle restrizioni Covid, aveva come titolo ‘Questo genere di disuguaglianze’.

Al centro ha posto il tema dei diritti delle donne. E al tempo stesso, le migliaia di ragazze e ragazzi – oltre 17mila le iscrizioni – collegati online non hanno rinunciato a dare vita, su invito del presidente, ad un applauso ideale per la liberazione del ricercatore egiziano, raccogliendo il testimone dell’evento dello scorso anno che si era chiuso proprio con un appello al rilascio di Zaky, ingiustamente detenuto.

Noi ci teniamo a questa giornata. Tantissimo.

Lo ha detto Giani ricordando che il 10 dicembre, anniversario della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite nata nel ’48 dopo la catastrofe della guerra

si lega alla nostra Costituzione, che nel ’48 entrò in vigore, e a un’altra data, il 30 novembre, in cui la Toscana celebra la decisione, primo stato al mondo, di abolire la pena di morte.

Tutti questi momenti rappresentano un elemento che ci spinge ad un impegno costante

ha aggiunto il Presidente, ringraziando soprattutto

ragazze e ragazzi, perché la questione dei diritti delle donne riguarda il vostro futuro, che dovete iniziare a costruire da protagonisti sin nel presente

e ribadendo che

la Toscana dei diritti umani si riconosce in questo impegno.

Il Meeting si è aperto con l’Assessore a istruzione, pari opportunità e promozione dei diritti umani Alessandra Nardini, che nel suo intervento ha scandito:

Le disuguaglianze e le discriminazioni che le donne ancora oggi vivono sono una violazione dei diritti umani e le disuguaglianze di genere non sono un problema delle donne, ma una problema di tutta la tutta società.

Ha affermato, rivolgendosi in primo luogo alle studentesse:

Da questo incontro arriva oggi un messaggio forte e chiaro: un mondo che discrimina le donne e si priva del loro talento è un mondo più povero, più ingiusto, non pienamente civile.

Scegliete sempre ciò che volete, ciò che vi rende felici, riconoscete gli stereotipi di genere e combatteteli, siate libere. Sfondate i ‘tetti’ di cristallo.

Non sentitevi mai in colpa per il desiderio di seguire il vostro sogno e le vostre ambizioni nel lavoro; non accettate che vi sia chiesto se intendete o meno diventare madri, perché non dovete essere costrette a scegliere.

E non accettate nessuna forma di violenza, non dimenticate che l’amore non lascia segni sul viso e sul corpo.

Nardini ha poi ricordato lo scopo con cui è nata questa edizione dell’evento:

Noi vogliamo raccontarvi che ci sono donne che contro ogni stereotipo si sono affermate nei propri percorsi di studio e di lavoro, donne che hanno segnato la storia, come Nilde Iotti, la prima Presidente della Camera.

Ha detto l’Assessore rivolgendosi alle partecipanti e ai partecipanti:

Voi siete davvero la speranza di costruire una società diversa e la scuola deve essere il luogo per eccellenza dell’uguaglianza e delle pari opportunità.

L’assessora ha concluso proponendo una sorta di provocazione linguistica: ha recitato l’articolo 1 della Dichiarazione universale dei diritti umani aggiungendo accanto a ‘fratellanza’ un’altra parola: ‘sorellanza’.

Ha detto Nardini:

Non suona male, suona benissimo: anche dall’utilizzo corretto della nostra lingua passa quella rivoluzione culturale, ancora largamente incompiuta, che insieme dobbiamo portare avanti.

Sul palco, anche il Consigliere per le politiche giovanili del Presidente della Giunta Bernard Dika.

Ha detto Dika:

Grazie per questa scelta importante che dà un messaggio all’intero Paese.

Ha sottolineato l’importanza del passaggio in cui l’articolo 3 della Costituzione assegna il compito alla Repubblica di rimuovere gli ostacoli che impediscono di rendere i diritti davvero uguali per tutti: effettivi.

Ha detto Dika rivolgendosi ai partecipanti:

La Repubblica sono le cittadine e i cittadine, le comunità. Spetta a noi costruire una nuova cultura di rispetto e di responsabilità.

Di fronte ad atteggiamenti che faticano a cambiare siate il presente e siate davvero quella generazione che cambia quello che deve essere cambiato.

Print Friendly, PDF & Email