Home Territorio ‘L’Orazio’ al PACTA Salone

‘L’Orazio’ al PACTA Salone

289
'L'Orazio' - foto Alice Colombo
'L'Orazio' - foto Alice Colombo


Download PDF

In scena dal 26 al 29 gennaio a Milano

Riceviamo e pubblichiamo.

La sezione New classic presenta al PACTA Salone di Milano dal 26 al 29 gennaio 2023 ‘L’Orazio’ di Heiner Müller, in prima assoluta con la regia di Giovanni Battista Storti, anche in scena con Lorena Nocera e Gilberto Colla.

La produzione Teatro Alkaest in coproduzione con PACTA . dei Teatri affronta una storia per raccontare un dilemma difficilmente risolvibile: può un eroe, riconosciuto da tutti come lo strenuo difensore della libertà dei suoi concittadini, essere al contempo un assassino?

Roma e Alba sono in guerra tra loro e, per evitare la carneficina di una battaglia tra eserciti, scelgono i propri rappresentanti affinché si affrontino in un duello mortale, alla fine del quale l’Orazio uccide il Curiazio e Roma sottomette la città rivale. Il Curiazio era fidanzato alla sorella dell’Orazio e quest’ultimo, sdegnato dal pianto della giovane in lutto per l’amato, non esita a ucciderla.

La comunità affronta un dilemma difficilmente risolvibile: può un eroe, riconosciuto da tutti come lo strenuo difensore della libertà dei suoi concittadini, essere al contempo un assassino?

Rivisitando il mito, il grande drammaturgo Heiner Müller restituisce in modo lucido e appassionato il dramma che ogni società si trova ad affrontare nel tentativo di affermare la Verità.

Spiega il regista Giovanni Battista Storti:

Heiner Müller si cala nella contraddizione con la vista acuta del semiologo e la freddezza del chirurgo.

Nel corso del dramma, ogni azione compiuta, ogni motivazione sottostante, ogni opinione espressa dai cittadini, viene presa in considerazione, analizzata, valutandone i pro e i contro, nel tentativo di accertare la verità ed emettere una sentenza definitiva.

Grazie al linguaggio poetico di Müller e alla sua avvincente regia degli eventi, ci ritroviamo tutti, attori e spettatori, a essere gli artefici di un vero e proprio processo dal vivo, in altre parole, diventiamo concretamente gli artefici di un rito civile chiamato Teatro.

Ed è grazie al teatro che una vicenda antica ci pone dinanzi a domande vere e necessarie: in che misura siamo disposti a rinunciare alla giustizia in cambio di protezione? Qual è il percorso che ci permette di giungere a una verità condivisa?

In scena tre attori, una donna e due uomini, affiancati dal musicista e cantante Thomas Umbaca, si alternano nella narrazione della vicenda rivolgendosi direttamente allo spettatore per una ri-evocazione oggettiva. Con una struttura ritmica ben definita, un flusso costante di significati e immagini trascina attori e spettatori.

I costumi rimandano a epoche tra loro diverse, a indicare tre figure di rappresentanti della comunità degli spettatori e al tempo stesso tre personaggi appartenenti alla memoria.

L’opera

Prima rappresentazione assoluta: Berlino, Schiller Theater, 1° marzo 1973, regia di Hans Lietzau. Scritta alla fine degli anni 60, insieme a Filottete e Mauser compone il trittico dei drammi didattici alla Müller:

I drammi didattici, in qualunque modo li si consideri, contrariamente alle parabole hanno una struttura da tragedia, cioè mettono in questione il mondo e non pretendono di essere delle risposte.
H. Müller in ‘Der Spiegel’, n. 19, 1983

Müller ripercorre l’antica leggenda del duello tra Orazi e Curiazi, inscenando una vicenda in cui il principio dialettico brechtiano pare incepparsi, e consegna al pubblico tutte le contraddizioni in essa contenute, esortandolo a farsi carico della ricerca di una possibile, e sempre provvisoria, soluzione.

Heiner Müller (1929 – 1995), il più grande drammaturgo tedesco del Novecento dopo Bertolt Brecht, è stato per oltre un ventennio uno degli autori più rappresentati sui palcoscenici internazionali. Nato in un villaggio della Sassonia meridionale e figlio di un militante socialista perseguitato dai nazisti, trascorre la giovinezza nella Germania hitleriana.

A guerra conclusa riesce a passare nella Zona di Occupazione sovietica (SBZ), quello che sarà il futuro territorio della DDR, e nel 1951 si trasferisce a Berlino Est, dove inizia a scrivere recensioni per alcune prestigiose riviste letterarie. Le sue prime opere teatrali risalgono alla metà degli anni cinquanta.

Nel 1961 la prima e unica messa in scena di ‘Die Umsiedlerin oder Das Leben auf dem Lande’ (‘La contadina sfollata o La vita in campagna’) scatena una ridda di polemiche e reazioni negative, con il conseguente divieto di ulteriori rappresentazioni e l’espulsione di Müller dall’Unione degli Scrittori, in cui verrà riammesso soltanto nel 1988, all’apice della sua fama mondiale. È l’inizio di un rapporto complesso e tormentato con le autorità della DDR, che induce lo scrittore alla riscrittura delle opere shakespeariane e dei classici del mito, tra le quali ‘L’Orazio’.

In seguito, le sue opere teatrali riscuoteranno crescenti consensi nella Germania occidentale e in tutta Europa, con numerosi premi e riconoscimenti letterari. Müller è anche autore di poesie e saggi, ma soprattutto è uno dei più lucidi interpreti dei travagliati destini del proprio Paese, prima e dopo la svolta del 1989. Membro dell’Accademia delle Arti di Berlino Est, nella Germania riunificata è direttore del celebre Berliner Ensemble fino alla sua morte, sopraggiunta nel 1995.

PACTA Salone
Dal 26 al 29 gennaio 2023 New Classic
‘L’Orazio’ prima assoluta
di Heiner Müller
regia Giovanni Battista Storti
con Gilberto Colla, Lorena Nocera, Giovanni Battista Storti
musiche dal vivo Thomas Umbaca (el. Piano, loop station)
installazione Marcello Chiarenza e Marco Muzzolon
disegno e partitura luci Fulvio Michelazzi (AILD)
costumi di Caterina Villa
produzione Teatro Alkaest in coproduzione con PACTA . dei Teatri

Durata 50′

PACTA Salone via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
MM2 P.zza Abbiategrasso-Chiesa Rossa, tram 3 e 15, autobus 65, 79 e 230

Per informazioni:
www.pacta.org – tel. 0236503740 – biglietteria@pacta.orgpromozione@pacta.orgufficioscuole@pacta.org

Orari spettacoli: da giovedì a sabato ore 20:45 | domenica ore 17:30 – Verificare sul sito gli orari

Orari biglietteria: via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
dal lunedì al venerdì dalle ore 12:00 alle ore 15:00 e dalle ore 17:00 alle ore 19:00 | nei giorni di programmazione, 1h prima dell’inizio dello spettacolo
Acquisto biglietti: www.pacta.org e Circuito Vivaticket online, telefonicamente e nelle prevendite fisiche

Prezzi biglietti:
Intero €24,00 | Rid. Convenzioni, CRAL e gruppi min. 10 persone €16,00 | Under 25/over 60 €12,00 | gruppi scuola €9,00
Spettacolo + aperitivo drink e stuzzicherie presso Majuda, via dei Missaglia 13, Milano, lunedì – sabato ore 7:00 – 21:00: €19,00

Print Friendly, PDF & Email