Home Territorio Estero Libano: Mohammed VI invia aiuti umanitari a Beirut

Libano: Mohammed VI invia aiuti umanitari a Beirut

274
Mohammed VI


Download PDF

Un ospedale medico marocchino curerà i feriti libanesi

Il re del Marocco, Mohammed VI, ha ordinato l’invio di aiuti medici e umanitari di emergenza in Libano, a seguito dell’esplosione nel porto di Beirut che ha causato numerose vittime e danni materiali significativi.

Il sovrano marocchino ha quindi ordinato l’invio e il dispiegamento a Beirut di un nosocomio militare da campo al fine di fornire cure mediche di emergenza alle popolazioni ferite in questo incidente.

Questo ospedale da campo è composto da 100 persone, di cui 14 medici di varie specialità, rianimatori, chirurghi, traumatologi, otorinolaringoiatri, oftalmologi, ustioni, neurochirurghi, pediatri, farmacisti, infermieri specializzati e personale di supporto.

Ospiterà una sala operatoria, unità di ricovero, radiologia e sterilizzazione, un laboratorio e una farmacia. Gli aiuti marocchini comprendono anche una serie di farmaci di pronto soccorso, prodotti alimentari, cibo in scatola, legumi, latte in polvere, olio, zucchero, tende e coperte per l’ospedale, alloggio per le vittime del disastro.

Include anche attrezzature mediche per la prevenzione di Covid-19, in particolare maschere protettive, visiere, abiti e gel idroalcolico.

Il re Mohammed VI ha inviato ieri, 6 agosto, un messaggio di cordoglio al Presidente della Repubblica libanese, Michel Aoun, assicurandogli che il Regno del Marocco è al fianco del popolo libanese.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.