Home Rubriche Napoli nel Cinema ‘La Forza del Silenzio’ di Salvatore Esposito, storia di Autismo e Amore

‘La Forza del Silenzio’ di Salvatore Esposito, storia di Autismo e Amore

7487


Download PDF

‘La Forza del Silenzio’ è un ‘documento’ non semplicemente un documentario, un cortometraggio eccezionale nato dagli scatti, emblematici, commoventi, di Salvatore Esposito, un fotografo che si fa regista quando viene travolto da una storia, era già accaduto con ‘La Cella Zero’.

Così è successo quando ha conosciuto la famiglia Abate a Casal di Principe. Gennaro e Maurizio sono due gemelli monozigoti ai quali è stato diagnosticato l’autismo all’età di un anno e mezzo circa. L’autismo è una malattia neuro-psichiatrica con interessamento cerebrale, che causa grandi disturbi della comunicazione e quindi di interazione sociale. Questo ha segnato per Enzo ed Antonella, i genitori dei gemelli, il cambiamento radicale della loro vita.

Hanno dovuto cominciare a comprendere questo “mostro” che è l’autismo e che si era impossessato dei loro figli. Con la progressiva crescita dei bambini, Enzo ed Antonella si sono ritrovati a fronteggiare molti problemi per assisterli al meglio. La continua tendenza all’isolamento, le crisi nervose e di pianto di Gennaro e Maurizio hanno costretto i genitori a monitorare i propri figli continuamente, anche di notte.

Tutto diventa molto difficile a lungo andare quando cominci a perdere le energie, ma l’amore dei genitori continua a prevalere sull’autismo; e grazie a questo sentimento e alla loro volontà è nata l’associazione “La Forza del Silenzio”, organizzazione no-profit, che ha sede in un bene confiscato alla camorra a Casal di Principe (CE) e che accoglie le persone affette da autismo accompagnandole in un percorso che aiuti a farle comunicare con gli altri.

Sono tante le famiglie che, grazie a questa iniziativa, stanno trovando un conforto, un appoggio fisico e morale che difficilmente hanno avuto nelle istituzioni.

Una storia drammatica, di dubbi, sofferenza, che vira in una sferzata di energia nata dall’amore, dalla volontà, una spinta verso quella possibilità di affrontare il “mostro” che assale i propri figli costringendolo ad abbassare la guardia per far sì che ciò che pareva impossibile diventi solo improbabile: comunicare.

‘La Forza del Silenzio’ è la storia di due gemelli autistici monozigoti e della loro famiglia, che nel frattempo si è allargata con la nascita di un terzo figlio, Flavio, della loro sofferenza ma anche del sostegno dei genitori ai loro figli.

È una storia di autismo e di amore che il bianco e nero di Salvatore Esposito racconta con partecipazione emotiva grazie anche allo stile narrativo: quello che doveva essere un servizio fotografico non si snatura prendendo la forma di documentario, ma completa un’opera significativa donandole ancora più forza espressiva grazie all’alternanza tra scatti e riprese-video.

La sede dell’Associazione “La Forza del Silenzio” è in Via Bologna n°1 a Casal di Principe (CE). Per informazioni si può scrivere all’indirizzo mail info@laforzadelsilenzio.org

Print Friendly, PDF & Email

Autore Paco De Renzis

Nato tra le braccia di Partenope e cresciuto alle falde del Vesuvio, inguaribile cinefilo dalla tenera età… per "colpa" delle visioni premature de 'Il Padrino' e della 'Trilogia del Dollaro' di Sergio Leone. Indole e animo partenopeo lo rendono fiero conterraneo di Totò e Troisi come di Francesco Rosi e Paolo Sorrentino. L’unico film che ancora detiene il record per averlo fatto addormentare al cinema è 'Il Signore degli Anelli', ma Tolkien comparendogli in sogno lo ha già perdonato dicendogli che per sua fortuna lui è morto molto tempo prima di vederlo. Da quando scrive della Settima Arte ha come missione la diffusione dei film del passato e "spingere" la gente ad andare al Cinema stimolandone la curiosità attraverso i suoi articoli… ma visto i dati sconfortanti degli incassi negli ultimi anni pare il suo impegno stia avendo esattamente l’effetto contrario. Incurante della povertà dei botteghini, vagamente preoccupato per le sue tasche vuote, imperterrito continua la missione da giornalista pubblicista.