Home Sport F1 Brasile: Rosberg tiene a bada Hamilton e vince

F1 Brasile: Rosberg tiene a bada Hamilton e vince

555


Download PDF

Con una gara priva di errori Rosberg ha la meglio su Hamilton in una gara tiratissima. Massa eroe di giornata davanti al suo pubblico.

Nico Rosberg vince in Brasile e interrompe la striscia di cinque vittorie consecutive di Lewis Hamilton. Nella “torcida” brasiliana, il tedesco della Mercedes è stato autore di un weekend perfetto, nel quale ha battuto Hamilton sia in prova che in gara e adesso si presenterà ad Abu Dhabi con si diciassette punti di svantaggio dal compagno di squadra, ma anche con la consapevolezza dei propri mezzi e soprattutto che con il doppio punteggio, tutto può ancora accadere. Hamilton si è visto soffiare la pole per soli trentatre millesimi, poi in gara si è girato nel tentativo di superare Rosberg durante le soste ai box, un errore che gli è costato sei secondi, poi recuperati a suon di giri veloci, ma che gli ha di fatto tarpato le ali.
Emoziona e si emoziona Felipe Massa che sfiora la pole e si arrampica sul podio della sua San Paolo nonostante uno stop&go di cinque secondi per eccesso di velocità in pit-lane; il brasiliano ha conquistato il secondo podio stagionale dopo Monza grazie ad una gara piena di sostanza, nella quale ha battuto il suo compagno Bottas, solo decimo ed inspiegabilmente lento.
Grande gara per Button che porta a casa un ottimo quarto posto davanti all’ormai ex campione del mondo Vettel, decisamente più positivo del compagno Ricciardo, ritirato per problemi alla sospensione anteriore.
Sesto e settimo posto per le Ferrari di Alonso e Raikkonen con il finlandese autore di una gara positiva, nella quale ha mostrato un’aggressività mai vista quest’anno. Torna a punti Hulkenberg, ottavo davanti a Magnussen.

Le due Mercedes scappano via alla partenza
Le due Mercedes scappano via alla partenza

Le Mercedes scappano, Massa insegue.
Allo spegnersi dei semafori Rosberg tiene la testa su Hamilton con le Williams a seguire poi le McLaren di Button e Magnussen davanti ad Alonso e Vettel. Durante i primi giri le posizioni restano invariate ma il nuovo asfalto brasiliano mangia le gomme e dopo neanche dieci giri cominciano le prime soste ai box. Tutto fila liscio per i primi ma Massa entra troppo veloce e si becca una penalità da scontare al successivo pit.

L'errore di Hamilton nel tentativo di passare Rosberg ai box
L’errore di Hamilton nel tentativo di passare Rosberg ai box

Rosberg ancora su Hamilton che sbaglia prima del pit.
Hamilton cerca di avvicinarsi al compagno senza tuttavia riuscire a portare l’attacco, data la pressochè equivalente velocità delle due Mercedes. Il momento buono arriva durante la seconda tornata di soste ai box nella quale Massa paga la penalità precedente, poi entra Rosberg mentre Hamilton resta fuori e fa un giro velocissimo nonostante le gomme a fine vita; invece di rientrare subito ne prova un altro ma sbaglia alla quarta curva perdendo sei secondi che saranno decisivi alla fine. Nel frattempo Bottas ha problemi al suo pit-stop e scivola indietro mentre Button eredita la sua quarta posizione con buon vantaggio sugli inseguitori.

Rosberg resiste al forcing di Hamilton e vince. Massa fa festa sul podio.
Dopo l’errore, Hamilton cambia gomme e con uno stint fantastico ritorna a ridosso di Rosberg, recuperando sei secondi pirma dell’ultimo stop. Dopo il pit Massa passa Hulkenberg, Raikkonen invece tanta l’azzardo di fare una sosta in meno per tenere il quarto posto ma a dici giri dal termine deve cedere il passo prima a Button e Vettel, poi a Fernando Alonso, dopo una bella lotta in famiglia. Hamilton prova a mettere pressione a Rosberg fino alla fine senza riuscire mai a portare l’attacco ed il tedesco vince così la sua quinta gara stagionale. Sul podio coi due Mercedes, Massa festeggia davanti al suo pubblico il secondo podio stagionale, su una pista che lo ha visto vincere due volte e sulla quale si esalta.

Rosberg porta il suo svantaggio in classifica a diciassette punti e nell’ultima gara avrà meno pensieri di Hamilton, a cui basta comunque arrivare una posizione dietro Rosberg per festeggiare il secondo titolo, in una gara il cui ogni errore potrebbe costare caro, visto il doppio punteggio assegnato.
Appuntamento finale per il mondiale F1 fra due settimane ad Abu Dhabi, dove Hamilton e Rosberg avranno l’opportunità di fare la storia, la propria e della Mercedes, che vincendo negli Emirati otterrebbe la sedicesima vittoria stagionale, cosa mai accaduta prima. Sarà il bianco o sarà il nero? Rosberg vs Hamilton…a loro due.

Nunzio Iervolino.

ORDINE D’ARRIVO          MONDIALE PILOTI          MONDIALE COSTRUTTORI

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteMotoGP Valencia: Marquez chiude la stagione dei record
Articolo successivoPuliAmOrta: ripuliamo Orta di Atella
Nunzio Iervolino
Classe '84 da San Giuseppe Vesuviano...innamorato della vita e di tutto ciò che abbia un motore e delle ruote... Le quattro ruote sono sempre state un affare di famiglia e sembra che le mie prime "sgommate" risalgano ai tempi del pancione materno ma di queste non si hanno prova se non la testimonianza della "vittima" (mamma, se non ci fosse bisognerebbe inventarla), mentre la scintilla che ha fatto entrare le due ruote nel mio cuore è stata il vedere una Kawasaki Ninja buttarsi in piega in uno spazio strettissimo sulla Costiera Amalfitana. Da li è stato un continuo inseguimento alle mia passioni, culminato con l'acquisto di un Kart e qualche anno dopo della mia prima moto (dopo aver tirato il collo a quelle di amici). Evidentemente la cosa non deve essere andata giù a qualche automobilista che una sera dello scorso Aprile ha fatto strike mandandomi K.O. senza neanche fermarsi per soccorrermi, Adesso, col cuore infranto e senza motori sfogo la mia rabbia e la mia passione scrivendo qui...abbiate pietà di un povero ex centauro!!!