Home Territorio Edilizia: in Italia aumentano addetti e fatturato, crescita in frenata

Edilizia: in Italia aumentano addetti e fatturato, crescita in frenata

252
Variazione del fatturato per regione. Tasso di variazione annuale. Anno 2018


Download PDF

Le migliori performance regionali in termini di fatturato si registrano in Valle d’Aosta, Toscana, Veneto, Puglia  e Trentino Alto Adige

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa Fondazione Nazionale dei Commercialisti.

Il comparto dell’edilizia e costruzioni registra un aumento nell’ultimo anno del numero degli addetti, +2,6% che porta il valore complessivo a poco meno di 400.000 unità, e il fatturato, +6%, oltre 65 miliardi totali, ma la crescita segna una netta decelerazione.

Nell’anno precedente infatti gli addetti incrementavano del +4,3% e il fatturato viaggiava al +8,8%. I dati emergono dall’Osservatorio sui bilanci delle SRL – Focus settore Edilizia pubblicato dal Consiglio e dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti.

L’analisi sulla base della banca dati AIDA – Bureau van Dijk ha riguardato i bilanci 2018 di quasi 80.000 SRL afferenti al comparto, pari al 14% del totale di SRL attive.

Nel dettaglio emerge come la crescita del fatturato sia più elevata tra le imprese del macrocomparto lavori di costruzione e demolizione, +8,5%, seguita dalle SRL del macrocomparto della costruzione di edifici, mentre mostra un leggero calo, -0,4%, quello dell’ingegneria civile.

Analizzando i tre comparti minori, demolizione e preparazione del cantiere edile, completamento e finitura di edifici e altri lavori specializzati di costruzione, si registra una crescita del fatturato di circa il 10%, mentre il fatturato del comparto dell’installazione di impianti è cresciuto meno tanto da attestarsi al 7,7%.

Negli altri due macrocomparti, invece, gli andamenti sono piuttosto differenziati. A questo proposito, nel macrocomparto della costruzione di edifici, a fronte di una crescita del fatturato del 5,7% del comparto costruzione di edifici residenziali e non residenziali, si registra un calo del comparto sviluppo di progetti immobiliari che vede il proprio fatturato complessivo decrescere dell’8,3%.

Allo stesso modo, nel macrocomparto dell’ingegneria civile, a fronte di una crescita del fatturato per il comparto della costruzione di strade e ferrovie del 7,7%, si registra un calo del fatturato sia per il comparto della costruzione di opere di pubblica utilità, -3,7%, che della costruzione di opere di ingegneria civile, -14%.

Per quanto riguarda il fatturato a livello macro geografico, le performance migliori in termini di fatturato si rilevano nel nord-est, +7,8%, mentre analizzando le singole regioni, sugli scudi Valle d’Aosta, +19,3%, Toscana, +13,8%, Veneto, +13%, Puglia, +12,5%, e Trentino Alto Adige, +11,5%. Buone anche le performance dell’Emilia Romagna, +10,9%, e della Sicilia, +10,8%.

Se le grandi imprese, oltre 10milioni di fatturato viaggiano con il vento in poppa, addetti +18% e fatturato +12,4% quelle micro, ovvero fino a 350mila euro di fatturato, denotano una grande sofferenza con un calo degli addetti, -13,7%, e del fatturato, -3%.

Osservatorio bilanci

Print Friendly, PDF & Email