Home Rubriche Clessidra Chiamata persa da Dio

Chiamata persa da Dio

1227
Chiamata persa da Dio


Download PDF

Marco varcò la soglia del suo appartamento esausto quella sera, dopo un lunedì massacrante.

Oscuro impiegato in una grande azienda, dedicava le sue giornate a compiere vuoti riti burocratici sotto la luce cruda dei neon.

Quel lunedì, in particolare, fu un giorno di stress soverchiante: riunioni interminabili, scadenze pressanti, il capo che lo perseguitava.

E il traffico, implacabile, nell’ora di punta per il suo ritorno al suo modesto rifugio alle porte di Milano.

Marco inserì stancamente la chiave nella serratura, desideroso solo di abbandonarsi sul divano, sorseggiare un bicchiere di vino fresco e obliare tutto per qualche ora, fino al ritorno del giorno successivo con la sua carica di noia e frustrazione.

Nell’angusto appartamento, depose con gesto automatico il cellulare sul mobile d’ingresso. Lo schermo si illuminò, segnalando tre chiamate perse.

Maledizione!

pensò Marco, sperando con ogni fibra del suo essere che non fossero questioni urgenti dall’ufficio.

Compose svogliatamente la combinazione per ascoltare i messaggi in segreteria, mentre si sfilava le scarpe e appendeva la giacca.

Il primo messaggio, la solita compagnia telefonica con le sue offerte, fu cancellato immediatamente, con fastidio. Il secondo, la voce squillante di un amico che lo invitava fuori, stava per subire la stessa sorte quando partì il terzo messaggio. Un lungo bip, seguito da alcuni secondi di silenzio.

Marco aggrottò la fronte, già pronto a respingere quell’ennesima perdita di tempo, quando una voce calda e profonda si levò dal cellulare.

Marco, figlio mio, sono Dio. So che pensi che sia uno scherzo, ma sono davvero Dio. Finalmente ho trovato il modo di parlarti, anche se tu continui a non ascoltarmi. Vorrei solo dirti alcune cose per ricordarti la strada giusta da seguire…

Marco lasciò cadere il cellulare per la sorpresa, il dispositivo rimbalzò sul tappeto.

Che diavolo…!

farfugliò Marco spalancando gli occhi.

Si umettò le labbra, le mani gli tremavano leggermente. Uno stupido scherzo telefonico, si ripeté mentre raccoglieva da terra lo smartphone. Eppure, quella Voce solenne e pacata gli aveva provocato una strana emozione.

Istintivamente fece ripartire il messaggio. Ascoltò, ipnotizzato e confuso. La Voce amorevole continuava il Suo messaggio, le sue parole scivolavano con fluidità nell’anima di Marco, trovando una misteriosa risonanza in lui. Si sedette con la testa fra le mani. Passò molto tempo. Oppure pochissimo.

Riascoltò per la terza volta quel misterioso messaggio. Ogni parola era un seme che cadeva nel suo animo, destinato a germogliare. La Voce pareva conoscere i segreti più reconditi del suo cuore e dell’intera creazione.

L’universo intero, Marco, non è che vibrazione e luce. Ogni cosa è composta da una trama di filamenti d’energia che pulsano al ritmo del Mio cuore. Tu stesso non sei che un fascio di questa luce divina, figlio della Mia lampada eterna.

Marco assorbiva quelle frasi colme di grazia. Sentiva che gli si schiudeva davanti agli occhi una prospettiva inedita sul mondo.

Le leggi che lo governano sono semplici: causa ed effetto in perfetta armonia. Crea il bene e il bene ti sarà restituito. Pensa all’amore e l’amore ti sarà donato. Tu sei parte del Tutto e il Tutto è parte di te.

Trascorsero alcuni istanti di silenzio.

Poi la Voce riprese, solenne:

Guarda fuori dalla finestra, Marco. Cerca la stella più luminosa. Sono Io che ti sto parlando attraverso quel punto di luce. Io sono dentro e fuori di te. Nulla accade senza che Io lo voglia. E ogni separazione è una forma d’illusione.

Inebetito, Marco attraversò la stanza e scostò la tenda.

La scia di un velivolo solcava il cielo notturno, in netto contrasto con la miriade di stelle che brillavano nel firmamento.

Una, in particolare, catturò lo sguardo di Marco: pulsava più viva, emanando bagliori dorati. Marco osservava rapito quel punto di luce danzare nel cielo notturno.

La Voce proseguì:

Quella è Sirio, la stella più luminosa del cielo notturno. Simboleggia l’alba del tuo risveglio spirituale. Seguila e troverai la via della Conoscenza.

Marco era come ipnotizzato. La stella emanava bagliori sempre più luminosi, quasi cercasse di comunicargli un messaggio in codice attraverso quel mutevole gioco di luci.

Osserva bene i suoi colori, figlio mio. Il blu cobalto ti parla della trasformazione dell’anima, il viola della visione interiore, l’oro della saggezza eterna.

Sono i colori del pavone divino, messaggero di bellezza e rinascita.

Marco tremava, gli occhi pieni di lacrime riflettendo quella misteriosa fantasmagoria di luci che parevano quasi voler uscire dalla volta celeste per avvolgerlo. Si sentì come trasportato fra le stelle, sospeso nel cosmo insieme alla sua guida.

Lascia che la Luce illumini i meandri più oscuri del tuo essere.

Non aver paura: io sono con te. Ti mostrerò verità che tu nemmeno immagini, ti condurrò dove non avresti mai osato, proprio come Thot guidava le anime oltre la soglia dell’aldilà verso l’immortalità.

Marco smise di pensare e si abbandonò completamente a quella miracolosa epifania tra le stelle.

Profondamente rapito, comprese, in un istante, la verità di quel messaggio celeste. Un brivido gli percorse la schiena. Poi sentì una forza irresistibile che lo spingeva verso la finestra, verso la stella, verso Dio. Si alzò in piedi, prese la giacca e le chiavi, uscì di casa.

Non sapeva dove stava andando, ma sapeva che doveva andare. Lasciò il cellulare sul tavolino dell’ingresso, con la Voce che continuava a parlare…

Print Friendly, PDF & Email

Autore Raffaele Mazzei

Da bambino, mia nonna mi raccontava storie straordinarie che mi facevano sentire speciale. Storie che mi hanno insegnato che comunicare è toccare il cuore con un’intenzione pura. Non basta informare. Bisogna creare una connessione autentica con il proprio pubblico, facendogli sentire che fai parte della sua storia, del suo progetto, del suo sogno. Oggi le neuroscienze lo confermano: il coinvolgimento emotivo aumenta l’attività e la recettività cerebrale. Io ne ho fatto la mia professione. Sono Raffaele Mazzei, esperto di comunicazione e copywriter. Con il mio team di professionisti, ti aiuto a creare un messaggio che fa la differenza. Un messaggio che non impone, ma conquista. Che non manipola, ma ispira. Vuoi scoprire come? Visita il mio sito www.raffaelemazzei.it e scopri l’Arte di comunicare.