Home Territorio ‘Canto d’ammore’ al Teatro delle Arti

‘Canto d’ammore’ al Teatro delle Arti

217
'A Teatro con Megghy 2019' ph Bruno Gallozzi


Download PDF

Il 13 dicembre a Salerno la quarta edizione di ‘A teatro con Megghy’

Riceviamo e pubblichiamo.

Non una favola ma uno spettacolo di musica e prosa. Una nuova sfida a sostegno della ricerca nel ricordo di una giovane vita spezzata. Venerdì 13 dicembre con ‘Canto d’ammore’ al Teatro delle Arti torna ‘A Teatro con Megghy’, quarta edizione dell’happening natalizio messo in piedi dalla Compagnia dell’Arte, con il sostegno del Teatro delle Arti di Salerno, per ricordare Margherita Castaldi, giovane attrice salernitana sconfitta dalla leucemia.

Il suo ricordo è intatto, il suo messaggio anche: regalare un sorriso e aiutare chi soffre anche con una messa in scena. Tutti i proventi della serata saranno devoluti all’AIL Salerno.

Per tre anni la sua compagnia l’ha omaggiata con una favola, ripescando nel repertorio la trama più bella e toccante che in passato aveva visto anche Margherita tra i protagonisti, fin quando ne ha avuto le forze. Oggi la compagine, che prosegue il suo percorso professionale senza mai dimenticare la solarità, il coraggio e la positività di questa ragazza straordinaria, troppo presto strappata alla vita, ha deciso di cambiare registro e allargare le braccia ad un altro ensemble.

‘A Teatro con Megghy’ sarà l’occasione per godere di un’opera villana che unisce la bellezza della musica popolare con la danza e la recitazione. Il gruppo propone infatti un repertorio di autori del Mezzogiorno d’Italia dal 400 ad oggi. Villanelle, tammurriate, tarantelle, canti devozionali. La musica tra i due Vulcani, concepita “alla napoletana” e cantata da Dame e Contadine, Nobiluomini e Popolani sui sagrati delle Chiese, nelle Aie.

Racconta Domenico Bruno:

Sapevo che un’attrice della Compagnia dell’Arte era in cura a Pagani, il nome di Margherita era nel database del Trasfusionale dell’Ospedale Umberto I di Nocera dove lavoro.

Con le compagne con le quali condivido l’amore per l’arte abbiamo contattato l’AIL ed Antonello Ronga per proporre ad entrambi uno spettacolo che unisse le nostre passioni. Insieme abbiamo deciso di costruire uno spettacolo per lei e di condividere la scena.

Ad interpretare le canzoni, con lo stesso Bruno, ci saranno anche Anna de Vivo, Teresa Lorenzi, Carla Iuliano. Ma su quelle tavole si intrecceranno tutti. Puntuali all’appello risponde la Compagnia dell’Arte in toto, Federica Buonomo, Francesca Canale, Fortuna Capasso, Mauro Collina, Gianni d’Amato, Martina Iacovazzo, Alesandro Musto, Emanuela Tondini, Valentina Tortora, Vincenzo Triggiano, Francesco Sommaripa ed il regista Antonello Ronga.

Non mancheranno neppure le incursioni del Professional Ballet di Pina Testa e la straordinaria partecipazione di Claudio Tortora e Renata Tafuri, non solo grandi autori attori sempre sensibili e lungimiranti rispetto al grande messaggio che è il teatro, ma anche un papà e una mamma, simbolo di una coppia di genitori come tanti, pronti a lanciare dal palco un messaggio di speranza per tutte le famiglie che soffrono il dramma della malattia.

Info
Ancora disponibili gli ultimi biglietti. Il prezzo del singolo tagliando è di €15,00.
089-221807 – 320-2659282 – www.teatrodellearti.com.

Foto Bruno Gallozzi

Print Friendly, PDF & Email