Home Territorio Estero ANED porta duecento dializzati in Vaticano da Papa Francesco

ANED porta duecento dializzati in Vaticano da Papa Francesco

227
ANED in udienza dal Papa


Download PDF

Il Presidente: ‘La frammentazione del sistema sanitario colpisce i più fragili’

Riceviamo e pubblichiamo.

Un viaggio in Vaticano per cercare nelle parole del Santo Padre quel conforto umano che non sempre il Servizio Sanitario Nazionale è in grado di garantire alle persone più fragili.
È con questo spirito che una delegazione di oltre 200 persone trapiantate e dializzate hanno raggiunto Roma sotto la guida di ANED, l’Associazione Nazionale emodializzati, dialisi e trapianto, per partecipare all’udienza pubblica del mercoledì in piazza San Pietro alla presenza di Papa Francesco.

Una giornata di fede e speranza per pazienti la cui vita quotidiana è regolata dalla convivenza con una malattia cronica fortemente invalidante e che, per contro, si trovano a fare i conti con una sanità pubblica sempre meno efficiente e attenta ai loro bisogni.

Sottolinea Giuseppe Vanacore, Presidente di ANED:

Negli ultimi anni difendere e promuovere i diritti dei più fragili è diventato sempre più difficile.

La progressiva scomposizione del Servizio Sanitario Nazionale, frammentato nelle diverse regioni italiane, ha determinato un peggioramento nelle condizioni delle prestazioni offerte alle persone trapiantate e dializzate.

Dal trasporto sanitario verso i centri dialisi che deve essere a carico del SSN, alle terapie che devono essere garantite anche fuori dalla Regione di residenza, al problema della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Tutti temi che riguardano la dignità dell’individuo e in particolare dei più fragili e dunque sono affini alla sensibilità del Pontefice, che ringraziamo per aver ricordato come l’impegno quotidiano costituisca la strada per l’arricchimento di tutti.

Il viaggio in Vaticano è stata l’occasione per accendere un riflettore sull’importanza della prevenzione: secondo le stime, infatti, in Italia sono 5 milioni le persone a rischio di sviluppare una malattia renale terminale, se non diagnosticata e affrontata per tempo.

Conclude il Presidente Vanacore:

Il 2 ottobre ricorrerà la Giornata Nazionale del Dializzato. Un’occasione in più per diffondere i messaggi su prevenzione e ricerca che ANED promuove da 50 anni.

Print Friendly, PDF & Email