Home Territorio Estero Yemen: chiesta una lista nera su reclutamento bambini

Yemen: chiesta una lista nera su reclutamento bambini

442


Download PDF

Al-Eryani: ‘La milizia Houthi ha trasformato le scuole nelle aree sotto il suo controllo in campi di combattimento’

Il governo yemenita ha invitato le Nazioni Unite a lavorare alla preparazione di una lista nera dei leader della milizia Houthi coinvolti nel reclutamento di bambini soldato.>

Il Ministro dell’Informazione yemenita, Muammar Al-Eryani, ha affermato che la milizia Houthi ha trasformato le scuole nelle aree sotto il suo controllo in campi di combattimento.

Considera, inoltre, questo fenomeno un “crimine di guerra e un crimine contro l’umanità”.

Sul suo account Twitter Al-Eryani ha aggiunto che la milizia Houthi ha trasformato le aule in sale per addestrare i bambini a usare armi leggere e medie per poi costringerli a morire sui fronti di battaglia.

Queste pratiche criminali ricordano scene di organizzazioni terroristiche -ISIS e al-Qaeda – che addestrano bambini all’uso di armi in campi speciali.

Il Ministro dell’Informazione yemenita ha avvertito delle disastrose conseguenze future del reclutamento di bambini dalle scuole nel distogliere i minori dalle aule e dai loro obiettivi in ​​termini di processo educativo, per il quale gli yemeniti pagheranno per le generazioni a venire.

Una coalizione yemenita per i diritti umani aveva rivelato che la milizia Houthi sostenuta dall’Iran ha reclutato 12.054 bambini. Ciò è avvenuto in diversi governatorati nel periodo da maggio 2014 a maggio 2021.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.