Home Toscana Regione Toscana Toscana: Remaschi incontra Commissario de Il Forteto

Toscana: Remaschi incontra Commissario de Il Forteto

210
Pecore

Confermata produzione pecorino

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Questa mattina, 2 gennaio, l’Assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi ha incontrato Jacopo Mazzetti, Commissario della cooperativa Il Forteto recentemente nominato dal Ministero per lo Sviluppo Economico.

Al centro dell’incontro la crisi del mercato del latte ovino e la volontà de Il Forteto di continuare con la produzione di pecorino. Il prossimo martedì, 8 gennaio, l’Assessore riceverà anche i lavoratori ed i soci della cooperativa, che nelle settimane scorse avevano fissato un appuntamento per poter parlare delle loro preoccupazioni per la tenuta occupazionale e produttiva della cooperativa.

L’incontro tra Remaschi e Mazzetti si inserisce nell’ambito delle consultazioni che l’assessorato sta portando avanti per fronteggiare la crisi del settore della lavorazione del latte ovino, particolarmente importante per la Toscana. Il Commissario ha ribadito la volontà di mantenere attive le produzioni agricole ed agroalimentari ad oggi praticate dalla cooperativa, di cui una parte consistente è rappresentata proprio dalla produzione di pecorino.

Mazzetti ha confermato la volontà di continuare a ritirare oltre tre milioni di litri di latte di pecora all’anno, provenienti da circa 70 allevamenti toscani, ed ha informando l’Assessore che è attualmente in corso una trattativa per la definizione dei contratti e del prezzo di fornitura.

Ha affermato Remaschi:

Prendiamo atto di questi importanti segnali che vanno nella direzione della salvaguardia di una delle produzioni di punta del nostro paniere di eccellenza, assai conosciuto ed apprezzato dai consumatori, anche all’estero.

L’Assessore ha, inoltre, esposto le linee essenziali del pacchetto di misure che saranno messe in campo dalla Regione Toscana, per il sostegno complessivo all’intera filiera zootecnica, tra le quali rientrano anche le iniziative per la promozione dei formaggi pecorini toscani.

Print Friendly, PDF & Email