Home Cultura Senzatomica: chiude il 24 aprile con oltre 27mila visitatori

Senzatomica: chiude il 24 aprile con oltre 27mila visitatori

698


Download PDF

Enorme successo per la mostra a Castel Sant’Elmo dal 17 marzo al 24 aprile

Riceviamo e pubblichiamo.

Si è conclusa con 27320 visitatori, di cui 11079 studenti, la mostra ‘Senzatomica. Trasformare lo spirito umano per un mondo libero da armi nucleari’, aperta negli spazi di Castel Sant’Elmo di Napoli dal 17 marzo al 24 aprile. Sessantesima tappa dell’esposizione multimediale promossa dall’Istituto Buddista Soka Gakkai ha visto la partecipazione attiva e volontaria di oltre 840 persone impegnate nell’organizzazione complessiva e nell’accompagnamento dei visitatori tra i pannelli della mostra.

“È stato per noi un gioioso modo di stare insieme, spiega il comitato di Senzatomica napoletano. Le persone arrivavano e si complimentavano perché sentivano di non aver semplicemente visitato una mostra, ma di aver vissuto un’esperienza umana. Hanno percepito una calorosa accoglienza e una profonda convinzione nel trattare temi così complessi come la minaccia nucleare, la necessità dell’adozione di un trattato internazionale per l’abolizione degli ordigni atomici e, nello stesso tempo, l’importanza di un disarmo che parta da una trasformazione interiore di ciascun individuo”.

Durante i quaranta giorni di mostra sono state diverse le occasioni di incontro, in vari spazi culturali della città, per affrontare il tema delle armi nucleari da un punto di vista storico, scientifico e filosofico. La mostra ha, inoltre, dedicato particolare attenzione alle giovani generazioni: per i più piccoli è stata allestito, all’interno di Castel Sant’Elmo, uno spazio a loro dimensione, gioiosamente tappezzato da loro colorati disegni, in cui sono stati ospitati anche spettacoli e laboratori.

La mostra è stata sostenuta in Campania dal Polo museale della Campania, Regione Campania, Comune di Napoli, Comune di Salerno, Autorità Portuale di Salerno, Istituto per gli Studi Filosofici e Biblioteca Nazionale di Napoli, Museo Archeologico Nazionale, Goethe Institut.

Print Friendly, PDF & Email