Home Toscana Regione Toscana Santa Maria alle Scotte di Siena, inaugurate 3 strutture di eccellenza

Santa Maria alle Scotte di Siena, inaugurate 3 strutture di eccellenza

200
Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Policlinico Santa Maria alle Scotte


Download PDF

Con un investimento di 7 milioni al via il Day Hospital sperimentazioni cliniche del centro di Immuno-Oncologia, il Polo Endoscopico, il Day Hospital Ematologico

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Il Day Hospital sperimentazioni cliniche del Centro di Immuno-Oncologia, il Polo Endoscopico, il Day Hospital Ematologico: sono queste le tre nuove strutture su cui da oggi, potrà contare l’Ospedale di Santa Maria delle Scotte a Siena.

Oggi, 5 agosto, l’inaugurazione, alla presenza del Presidente della Regione Toscana e, tra gli altri, del Direttore sanitario, del Direttore amministrativo e del Rettore dell’Università di Siena.

Per la Regione Toscana si tratta di un significativo ulteriore potenziamento della struttura e della qualità dell’offerta di cura. Con un investimento di 7 milioni si è così potuto garantire la nascita di tre nuove eccellenze per la sanità toscana.

In particolare, il Day Hospital Sperimentazioni Cliniche del Centro di Immuno-Oncologia, con un investimento di 800mila euro, amplierà le attività dedicate ai pazienti
La struttura è stata la prima in Toscana ad essere accreditata dall’AIFA per le sperimentazioni cliniche ‘First in Human’, cioè che testano l’utilizzo del farmaco per la prima volta sugli esseri umani, e di fase 1.

Il Polo endoscopico, ritenuto tra i migliori centri endoscopici europei, avrà un’affluenza stimabile in oltre 12 mila pazienti l’anno, di cui 7mila per procedure endoscopiche. Articolata in due settori – uno dedicato all’attività endoscopica, l’altro a quella ambulatoriale – è stato realizzato con un investimento di 2 milioni e 800 mila euro per i lavori e di 3 milioni di per le attrezzature di ultima generazione.

Il Day Hospital Ematologia, costato circa 400 mila euro, rappresenta la prima parte di un progetto innovativo di gestione “out-patient” del paziente onco-ematologico, organizzato secondo percorsi dedicati in base alla tipologia e intensità delle cure erogate.

Print Friendly, PDF & Email