Home Territorio Peccato Napoli, la Juve resta a più sei, scudetto lontano

Peccato Napoli, la Juve resta a più sei, scudetto lontano

758
Hamsik vs Pirlo


Download PDF
Termina 1-1 la supersfida scudetto fra Napoli e Juventus allo Stadio San Paolo. Azzurri belli a metà, durante la prima mezzora prendono goal da Chiellini e subiscono gli uomini di Conte, poi crescono e a un minuto dal termine del primo tempo trovano il pareggio con Inler. Nella ripresa prima Buffon, poi un errore di Dzemaili consentono alla Juventus di uscire indenne dalla bolgia di Fuorigrotta. Paura per Britos, botte Chiellini-Cavani.

Come non detto, tutto come prima fra Napoli e Juve, anzi, col pareggio di ieri sera al San Paolo, il Napoli ha sprecato l’occasione più ghiotta per mettere pressione ai bianconeri e soprattutto, ha perso l’occasione di portarsi in parità con gli scontri diretti che nella remota possibilità di un finale a pari punti farebbero la differenza.
I ragazzi di Mazzarri si complicano la vita da soli quando al decimo minuti Pirlo ubriaca Behrami sulla sinistra e mette al centro per Chiellini che sovrasta Britos e porta in vantaggio i bianconeri. Il Napoli va in bambola e poco dopo Vucinic, da due passi, ha l’occasione per raddoppiare ma spara clamorosamente addosso a De Santis. Sempre il montenegrino spreca un altro paio di buone occasioni.
Il Napoli paradossalmente si riprende dopo il “GONG” della testata fra Inler e Britos (grande spavento per l’uruguaiano). Da li gli azzurri cominciano ad aumentare il ritmo ed a stringere la Juve nella propria metà campo senza però riuscire ad essere realmente pericolosi fino a due minuti dal termine quando Inler prende la mira da fuori area e con un gran destro deviato da Bonucci batte Buffon.

Cavani-Chiellini, Botte da Orbi
Cavani-Chiellini, Botte da Orbi

Nel frattempo Cavani e Chiellini se le danno di santa ragione ed il bomber azzurro, provocato con una tirata di capelli, rischia il rosso per una gomitata all’avversario; Orsato si fida del giudice di porta e Cavani se la cava col giallo.
La ripresa è solo di colore azzurro. Il Napoli torna in campo con Dzemaili al posto di Britos (frattura della mandibola per lui), Mazzarri schiera la difesa a quattro ed il Napoli cerca di fare la partita. Buffon è bravo prima su Hamsik da fuori area, poi su Maggio che ci prova dalla destra.
La Juve non riesce ad essere pericolosa ed è il Napoli ad andare vicinissimo al vantaggio con Dzemaili che da due passi spedisce fuori la respinta corta di Buffon sull’ennesima sassata di Hamsik. Ci proveranno poi ancora Inler da fuori e Cavani su punizione ma la partita termina in pareggio con gli juventini che possono essere ben contenti del risultato finale, mentre il Napoli recrimina per un rigore dubbio su Cavani (in realtà potrebbe starcene anche uno per la Juve).
Nulla di fatto quindi, resta l’amarezza per il popolo azzurro per una serata che doveva segnare la riscossa dopo alcune apparizioni incolori. Tutto come prima dunque, ma con undici giornate alla conclusione e tanti scontri diretti da giocare, è lecito provarci, a patto di metterla dentro, sperando che Cavani metta fine al suo lunghissimo digiuno. Napoli ed il Napoli, hanno bisogno di lui.

Nunzio Iervolino

Print Friendly, PDF & Email
Nunzio Iervolino

Autore Nunzio Iervolino

Classe '84 da San Giuseppe Vesuviano...innamorato della vita e di tutto ciò che abbia un motore e delle ruote... Le quattro ruote sono sempre state un affare di famiglia e sembra che le mie prime "sgommate" risalgano ai tempi del pancione materno ma di queste non si hanno prova se non la testimonianza della "vittima" (mamma, se non ci fosse bisognerebbe inventarla), mentre la scintilla che ha fatto entrare le due ruote nel mio cuore è stata il vedere una Kawasaki Ninja buttarsi in piega in uno spazio strettissimo sulla Costiera Amalfitana. Da li è stato un continuo inseguimento alle mia passioni, culminato con l'acquisto di un Kart e qualche anno dopo della mia prima moto (dopo aver tirato il collo a quelle di amici). Evidentemente la cosa non deve essere andata giù a qualche automobilista che una sera dello scorso Aprile ha fatto strike mandandomi K.O. senza neanche fermarsi per soccorrermi, Adesso, col cuore infranto e senza motori sfogo la mia rabbia e la mia passione scrivendo qui...abbiate pietà di un povero ex centauro!!!