Home Lombardia Regione Lombardia Marchio Qualità artigiana lombarda: approvata norma finanziaria

Marchio Qualità artigiana lombarda: approvata norma finanziaria

162
Alessandro Corbetta


Download PDF

Via libera della Commissione Bilancio alla norma finanziaria: stanziati due milioni di euro

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Per il “bollino” che certificherà la qualità artigiana lombarda, la Regione mette sul piatto 2 milioni di euro. È questa la cifra fissata oggi, 15 aprile, dalla Commissione Bilancio del Pirellone che ha approvato la norma finanziaria del progetto di legge che ha già ricevuto il via libera la scorsa settimana dalla Commissione Attività Produttive.

Il marchio sarà attribuito alle imprese operanti nel settore artistico, manifatturiero ed alimentare che operano nel rispetto della tradizione, garantendo così la qualità dei prodotti.

Ha spiegato il Consigliere della Lega Alessandro Corbetta, primo firmatario del provvedimento:

In questo modo vogliamo valorizzare le nostre realtà artigianali, dando lustro alle imprese che dimostrano di possedere requisiti di eccellenza, e al tempo stesso fornire ai cittadini uno strumento con cui sia facilitata la possibilità di individuazione dei migliori prodotti regionali.

Il marchio regionale avrà ha una durata temporale di sei anni, rinnovabile, con l’obiettivo di incentivare l’impegno costante nel mantenere gli standard di eccellenza. I criteri per l’individuazione della ‘Qualità Artigiana’ verranno individuati in collaborazione con le Camere di Commercio e con le realtà associative di categoria.

Le imprese che avranno ottenuto il riconoscimento saranno destinatarie di interventi regionali a favore della trasmissione dell’attività fra generazioni e dell’inserimento lavorativo dei giovani.

Si favorirà, inoltre, l’associazionismo locale per la promozione dei prodotti oltre al sostegno per consolidare la competitività e il posizionamento sul mercato, ad esempio attraverso l’utilizzo delle vendite online.

Il provvedimento andrà all’esame dell’Aula per l’approvazione martedì 20 aprile.

Print Friendly, PDF & Email