Home Rubriche Menorah La Grande Quercia

La Grande Quercia

392
La Grande Quercia


Download PDF

La Grande Quercia sta immobile, dritta con i suoi rami nodosi e la sua folta chioma.
Tante tempeste ha visto abbattersi su di lei, ma, forte e robusta, non si è fatta scalfire dalle intemperie e regge intatta nel tempo.

Lo stanco viandante che tanta strada ha lasciato alle sue spalle, si è trovato per caso sotto la sua ombra accogliente e ne ha fatto la sua dimora.

Dimenticando affanni e stanchezza ha assaporato una nuova identità.
Forte la quercia vigila su di lui nell’alternarsi delle stagioni.

Nel rigido inverno egli trova tepore e ristoro avvolto nei suoi rami, nell’estate calda si lascia avvolgere dalla fresca ombra, nell’autunno si sofferma a riflettere, nella primavera si prepara a dare il meglio di sé.

Insieme, la quercia e il viandante sembrano un’unica cosa.

Dalla fertile terra, attraverso le sue radici, l’albero trae la sua linfa vitale e non vuole a nessun costo che vada dispersa.

La incanala in tanti piccoli rivoli sotterranei che, man mano, affiorano sulla superficie della terra.

Essi si diramano diffondendosi, moltiplicandosi, amalgamandosi.

Duro è il loro percorso, perché tanti ostacoli trovano e non scorrono agevolmente.

Tutto sembra fermarsi.

Poi, però, la forza di quella linfa, li aiuta a procedere, a ricongiungersi, a moltiplicarsi, ad amalgamarsi.

Il viandante non sta a guardare, porge la sua mano all’albero. lo aiuta a ricomporre i rivoli, finché egli stesso scorre come linfa, essendo ormai diventato pianta.

Nulla di ciò che nasce dall’amore e dal sacrificio deve andare vanificato e disperso.

La linfa non è altro che vita.

La Massoneria è un inno alla vita.

La necessità che un uomo libero e di buoni costumi senta in tutto il suo essere la tenerezza riconoscente della Forza vivificatrice della Natura che lo avvolge, che apra se stesso, interamente, per riceverne l’influsso benefico della perenne verginale potenza, che pensi e senta come si manifesta la Ragione Suprema della Natura per comprendere che la concezione più giusta della Vita è la Verità.

L’assenza ne è l’Amore e ciò che da senso alla Vita è la Sapienza!

Print Friendly, PDF & Email

Autore Rosmunda Cristiano

Mi chiamo Rosmunda. Vivo la Vita con Passione. Ho un difetto: sono un Libero Pensatore. Ho un pregio: sono un Libero pensatore.