Home Territorio Estero Iran: la rabbia della classe media alimenta le proteste

Iran: la rabbia della classe media alimenta le proteste

255


Download PDF

È iniziato tutto a causa di un velo

Da 20 giorni in Iran continuano le proteste, innescate dall’uccisione della ragazza curda Mahsa Amini, dopo essere stata arrestata dalla cosiddetta polizia della moralità, per non aver indossato il velo.

Secondo molti osservatori, forse la cosa più pericolosa di queste manifestazioni è che sono iniziate a causa del velo, ma si sono trasformate in “richieste sociali ed economiche” più ampie, alimentate dalla rabbia di una larga fascia di giovani, o da ciò che è noto come Generazione Z, così come la classe media, che iniziò ad erodersi e crollare nel Paese, sotto l’impatto della crisi economica.

La grande classe media del Paese ha guidato manifestazioni in molte città dalla morte di Amini, il 16 settembre, e le sue proteste per i diritti delle donne si sono rapidamente trasformate in una richiesta di fine del “sistema di governo islamico” che controlla tutti gli aspetti della società.

Il triangolo delle richieste per le donne, la tecnologia e contro la povertà è il carburante di queste manifestazioni, ha spiegato ai media arabi l’uomo d’affari Mostafa Pakzad, che fornisce consulenza alle aziende straniere sulla strategia aziendale in Iran.

Secondo quanto riportato dal “Wall Street Journal”, a suo avviso i giovani sentono che le loro vite sono letteralmente sprecate a causa delle severe restrizioni che devono affrontare.

La classe media ha mantenuto per anni la stabilità del Paese dopo la rivoluzione khomeinista del 1979 e ne è stata il motore economico, nonostante le sanzioni imposte. Ha continuato a crescere negli ultimi quattro decenni fino a raggiungere il 60% della popolazione, con un solido sistema educativo che produce medici, avvocati, ingegneri e commercianti, nonostante i numerosi crolli dei prezzi del petrolio.

Ma ora si sta erodendo, tra le pressioni dell’inflazione del 50% e il deterioramento di una valuta che, quest’anno, ha raggiunto il minimo storico.

Più di un terzo degli iraniani, infatti, vive in povertà, rispetto al 20% nel 2015. Mentre la classe media si è ridotta a meno della metà del Paese.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.