Home Toscana Regione Toscana Formazione: visita di presidente e assessore a due eccellenze toscane

Formazione: visita di presidente e assessore a due eccellenze toscane

547
studenti


Download PDF

Eccellenze formative che funzionano e cresceno anche grazie al sostegno finanziario della Regione

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Il presidente della Regione Toscana e l’assessore regionale all’istruzione e formazione hanno visitato questa mattina due eccellenze formative, gli Istituti tecnici di istruzione superiore, Itis, di Firenze e di Scandicci.
Si tratta di Prime, la Fondazione Istituto Tecnico Superiore per la Manutenzione industriale, che opera nel sistema della meccanica e più precisamente nell’area tecnologica delle nuove tecnologie per il Made in Italy, che ha sede all’interno dell’Istituto tecnico di istruzione superiore Leonardo da Vinci, e della Fondazione ITS M.I.T.A., Made in Italy Tuscany Academy, di Scandicci, che ha sede nel Castello dell’Acciaolo e che opera nell’area tecnologica delle Nuove tecnologie per il Made in Italy del sistema moda.

Gli Istituti tecnici superiori sono scuole di alta specializzazione tecnologica a cui si accede dopo aver conseguito un diploma di istruzione superiore, nate per rispondere alla domanda delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche.

In Italia gli Istituti tecnici superiori sono 87. In Toscana ne sono presenti 7, specializzati nelle filiere ritenute strategiche per lo sviluppo regionale.

Presidente e assessore al termine delle visite hanno sottolineato come si è di fronte a vere e proprie eccellenze formative che stanno funzionando e crescendo anche grazie al sostegno finanziario che la Regione fornisce loro, ovvero oltre 1 milione di euro negli ultimi tre anni.

A fronte di questo importante investimento il tasso di occupazione, come ha fatto notare l’assessore regionale alla formazione, è superiore all’85% di coloro che intraprendono il percorso dopo il diploma, ed è non casuale, ma coerente con gli studi seguiti.
È da qui che secondo il presidente della Regione si deve partire per rimodulare il sistema regionale della formazione professionale.

Print Friendly, PDF & Email