Home Toscana Regione Toscana Bugli su nubifragi estate 2019 in Toscana

Bugli su nubifragi estate 2019 in Toscana

329
Vittorio Bugli


Download PDF

‘Mantenuti gli impegni presi con territori ed aziende’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Dei 4,4 milioni di euro che la Regione ha messo a disposizione per la imprese agricole che hanno sofferto danni per i nubifragi e le grandinate del 27 e 28 luglio 2019, beneficeranno anche tre comuni dell’empolese – ovvero Castelfiorentino, Certaldo e Gambassi Terme – oltre ad altri dieci territori nella provincia di Arezzo.
Le imprese agricole con sede in questi comuni potranno accedere al bando della misura 5.2 del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Toscana, che riconosce la copertura del danno subito, fino ad massimo di 200.000 euro, purché rappresenti almeno il 30% del potenziale produttivo dell’impresa.

La Regione ha potuto attivare queste risorse provenienti dal Piano di sviluppo rurale a seguito del decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con cui è stato riconosciuto per quell’evento il carattere di avversità atmosferica assimilabile a calamità naturale.

Gli interventi finanziabili, con copertura fino al 100%, riguardano, tra l’altro, il ripristino delle strutture aziendali danneggiate, l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature distrutte, il ripristino degli impianti frutticoli ed olivicoli.

Commenta l’Assessore alla presidenza, Vittorio Bugli:

Subito dopo le piogge della scorsa estate che hanno seminato danni in un’ampia area della Toscana ci eravamo mossi per trovare forme e risorse per indennizzare aziende e cittadini.

L’abbiamo fatto anche per quei territori che non erano stati ricompresi nel riconoscimento dello stato di calamità nazionale, adoperandoci affinché anche a loro fosse riconosciuto in egual misure il giusto ristoro.

L’abbiamo fatto per i cittadini, per le attività produttive ed ora anche per le imprese agricole, mantenendo gli impegni presi.

Il bando che riguarda le aziende agricole sarà pubblicato a breve sul bollettino ufficiale della Regione Toscana e rimarrà aperto fino alle ore 13:00 del 30 giugno 2020.

Print Friendly, PDF & Email