Home Territorio Estero Yemen: Khalid Bin Salman, bene impegno Biden su aggressione iraniana

Yemen: Khalid Bin Salman, bene impegno Biden su aggressione iraniana

242
Khalid Bin Salman


Download PDF

Il Vice Ministro della Difesa saudita: ‘Non vediamo l’ora di lavorare con gli amici negli Stati Uniti per affrontare le sfide della regione’

Il Vice Ministro della Difesa saudita, il principe Khalid bin Salman, ha accolto con favore l’impegno del Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, di lavorare con gli alleati contro gli attacchi dell’Iran e dei suoi agenti.

Non vediamo l’ora di lavorare con amici negli Stati Uniti per affrontare le sfide della regione.

Lo ha detto in una serie di tweet sulla sua pagina ufficiale.

Khalid Bin Salman ha anche aggiunto:

Il Regno afferma il suo continuo sostegno agli sforzi diplomatici per raggiungere una soluzione politica globale in Yemen secondo i tre riferimenti e il suo sostegno alla legittimità politica e militare yemenita di fronte alle milizie Houthi sostenute dall’Iran su tutti i fronti e saldamente.

Ciò è avvenuto dopo che il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato che avrebbe continuato a sostenere l’Arabia Saudita nella difesa della sua sovranità e dei suoi territori dalle minacce delle forze supportate da Teheran.

L’Arabia Saudita sta affrontando attacchi da parte di una forza sostenuta dall’Iran, ha detto in un discorso dal Dipartimento di Stato, il primo sulle politiche internazionali della sua amministrazione.

Ha anche annunciato la cessazione del sostegno alle operazioni di combattimento in Yemen, sottolineando l’importanza di porre fine alla guerra.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.