Home Toscana Regione Toscana Toscana, 100.000 euro per interventi urgenti su ponte mobile Calambrone

Toscana, 100.000 euro per interventi urgenti su ponte mobile Calambrone

339
Vincenzo Ceccarelli


Download PDF

Dichiarazione dell’Ass. Ceccarelli

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Un contributo di 100.000 euro per la progettazione esecutiva dell’intervento urgente di manutenzione straordinaria sul ponte mobile di Calambrone, che lungo la SP 224 consuete l’attraversamento del canale dei Navicelli, tra Pisa e Livorno.

Il finanziamento è stato deciso dalla Giunta regionale toscana, su proposta dell’Assessore alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, che ha spiegato:

Preso atto del ‘stato di salute’ del ponte da una relazione tecnica che ci è stata inviata dalla Navicelli spa, che per conto del Comune di Pisa gestisce l’infrastruttura, abbiamo visto che era necessario intervenire con urgenza per ripristinare condizioni di sicurezza.

Di questo argomento abbiamo discusso in più riunioni nel corso dell’anno, sia in Regione che in Prefettura a Livorno, ed alla fine abbiamo deciso di intervenire finanziando lavori urgenti, per garantire la sicurezza degli utenti.

Dei 100.000 euro stanziati dalla Regione Toscana a beneficio del Comune di Pisa, la metà servirà per garantire le prestazioni professionali relative alla progettazione dell’intervento e al piano di sicurezza, mentre i restanti 50.000 saranno utilizzati per le verifiche geotecniche e le indagini strutturali sulle pile del ponte.

Il finanziamento sarà al Comune di Pisa, anche se il ponte ricade su territorio del Comune di Livorno, perché le competenze relative al ponte fanno ancora capo alla città della torre pendente e non sono transitate alla Regione nel momento in cui questa si è fatta carico di tutti i beni relativi al canale Navicelli.

Ha concluso Ceccarelli:

Il ponte mobile di Calambrone è un’opera strettamente connessa alla navigabilità del Canale Navicelli oltre che alla transitabilità della strada sp 224, e la Regione è impegnata in prima persona nel garantire la funzionalità dei porti e delle vie fluviali navigabili di interesse regionale.

Print Friendly, PDF & Email