Home Territorio Sergio Tursi Prato Presidente Movimento Nazionale dei Liberi Pensatori

Sergio Tursi Prato Presidente Movimento Nazionale dei Liberi Pensatori

1118


Download PDF

Il docente calabrese ufficialmente alla guida del Movimento aperto ad ogni categoria sociale

Martedì 22 dicembre alla guida del Movimento Nazionale dei Liberi Pensatori è stato eletto il professore di origini calabrese, Sergio Tursi Prato, Ordinario di Storia e Filosofia presso il Liceo Scientifico ‘Pitagora’ di Rende (CS).

Il Movimento nasce dalla urgenza sociale di fornire risposte concrete alla società civile.

Come ebbe a dire Tursi Prato lo scorso luglio nell’intervista in esclusiva che rilasciò alla nostra testata:

Non segue fini politici né ha pretese di sostituire la classe politica; anzi, vuole fornire il proprio ausilio a chi insegue, soprattutto in un momento così delicato come questo, la possibilità di una aggregazione sociale che recuperi gli ideali di libertà di pensiero ma anche di libertà nel fare. Tutto per il progresso della società e per il bene dell’uomo, senza finzioni o creare false attese.

Un Movimento aperto ad ogni categoria sociale: dall’imprenditoria, ai liberi professionisti, ai colleghi che operano nella scuola, agli universitari, ai medici, agli impiegati, agli ex militari fino ad arrivare ai pensionati e agli studenti.

Tanto è vero che l’Associazione si richiama agli articoli 10 e 33 della nostra Carta Costituzionale, oltre che trarre ispirazione dalle Università Popolari Italiane.

Al fianco di Tursi Prato ci sarà come vice l’avv. Manlio Caruso, Presidente in carica della Fondazione Astrea di Roma. Le elezioni sono avvenute alla presenza del notaio, dott. Pierfrancesco Iorio e di 29 soci fondatori.

Hanno aderito al Movimento interi gruppi associativi come il sindacato nazionale CO.S.N.I.L, l’Associazione Nazionale ‘Biologi Senza Frontiere’, l’Associazione Nazionale ‘Vitambiente’, la ‘Fondazione Astrea’ con le sedi Catanzaro e Roma, l’ACU Calabria, associazione consumatori utenti.

Il dottor commercialista Michele Antonio Triveri sarà il Segretario generale e il laureando in Giurisprudenza Mirko Riccelli sarà il Tesoriere. Faranno parte del Direttivo il biologo Giovanni Misasi, l’editore di MIGA Web TV ed imprenditore televisivo Michele Rucchetto.

Inoltre, faranno parte l’imprenditore Vincenzo Nicola Quercia, l’Avvocato Pietro Marino, il Sociologo Giuseppe Rotta, l’Ambasciatrice EPALE Antonietta Fazio, Stefano Cinelli, Funzionario ANAS, l’Artista Franco Paletta, il dipendente della Regione Calabria Gianfranco Marrazzo, il Medico Marcello Vicchio ed il Segretario Nazionale della COSNIL, Francesco Lucirino.

Ma sono diverse le personalità della libera società civile ed imprenditoriale, oltre che liberi professionisti, ad avere aderito a questa importante manifestazione di partecipazione ai valori elevati del nostro esistere.

L’Associazione, che riprende nel logo ‘Il Pensatore’ dello scultore e pittore francese Auguste Rodin, si muove sul paradigma della libertà per lasciare un segno tangibile che crei con altruismo e buonsenso una valida opportunità di aggregazione sociale e culturale tale da valorizzare seriamente ogni professionalità e ogni contributo delle associazioni partecipanti. Con flessibilità e dinamismo, con volontà e determinazione per progettare non virtualmente ma in maniera coscienziosa.

Le fonti di ispirazione vanno indagate nel mondo civile ovvero in queste associazioni o in questi libere persone che aprono la mano al prossimo, che vogliono lasciare un mondo migliore alle future generazioni.

Creare aree di riflessione con l’idea di traguardare obiettivi importanti, cercando di portare un po’ di Europa nella nostra Italia. Tanto vero che nei prossimi giorni aderiranno altre decine di soci ordinari dalla nostra Penisola e dall’Estero: USA, Brasile, Australia…

Oggi più che mai la nostra società sente l’umano bisogno di stringersi intorno ad una realtà concreta di fratellanza e di libertà. Una forte spinta emotiva e, quindi, di riflessione aperta agli stimoli esterni può solo rendere la nostra collettività più unita, solida e attenta alle necessità di tutti, a partire dai singoli, costruendo nuovi tempi alla ragione illuminata e fornendo una formazione culturale e sociale adeguata ed estesa, cercando in sinergia di dare risposte concrete.

Per migliorare questi tempi bisogna sapersi esporre, senza dogmi ma con indipendenza, subendo come sola influenza quella del libero pensiero. Puro ma difeso, razionale ma intraprendente.

Auguri, allora, ad una Associazione che, senza dubbio, saprà essere di ausilio per tutti, incoraggiando l’interscambio culturale e civile.

Sergio Tursi Prato

Print Friendly, PDF & Email
Massimo Frenda

Autore Massimo Frenda

Massimo Frenda, nato a Napoli il 2 settembre 1974.