Home Territorio Estero Roberta Metsola inaugura Esperienza Europa – David Sassoli

Roberta Metsola inaugura Esperienza Europa – David Sassoli

7473
Esperienza Europa - David Sassoli


Download PDF

La cerimonia a Roma alla presenza di Alessandra Vittorini Sassoli, Antonio Tajani, Paolo Gentiloni, Raffaele Fitto, Roberto Gualtieri e Samantha Cristoforetti

Dopo l’esclusivo briefing tecnico destinato alla stampa e a content creator del 21 ottobre scorso, che ha aperto in anteprima a Roma Esperienza Europa – David Sassoli, in piazza Venezia, di cui abbiamo riportato un dettagliato resoconto, finalmente eccoci, il 17 febbraio, ore 14:00, all’inaugurazione ufficiale, con la scopertura della targa che dedica lo spazio all’ex Presidente del Parlamento europeo, al cospetto della Presidente del PE, Roberta Metsola, della moglie del defunto Presidente, Alessandra Vittorini, di leader politici a livello nazionale ed europeo e di alcuni dirigenti del PE.

Emozione, intensità e commozione sono state le sensazioni palpabili di un fitto pomeriggio atteso da tempo.

D’altronde, l’approccio empatico era quello che contraddistingueva l’abile capacità di comunicazione dello stesso Sassoli, giornalista Rai che si occupava di cronaca e politica, ricoprendo anche il ruolo di Vicedirettore del TG1 dal 2007 al 2009, anno in cui iniziò la sua attività di europarlamentare, per poi essere eletto, 5 anni dopo, Vicepresidente, con incarichi riguardanti il budget europeo e le relazioni con il Paesi del Mediterraneo. E, infine, divenire nel 2019, Presidente del PE.

Brevissima parentesi. Nel giugno del 2018, in occasione di un evento del PE nella sede di Bruxelles, me lo trovai improvvisamente di fronte. A pochi passi da noi un punto stampa con l’allora Presidente Tajani, bersagliato dai giornalisti.

Gli chiesi un commento sulla conferenza di Alto livello Il patrimonio culturale in Europa: un ponte tra passato e futuro, che stavamo appunto seguendo, e lui, con un sorriso dolcissimo, mi disse che era “solo” il Vicepresidente del PE e che era giusto che alla mia domanda rispondesse la più alta carica a livello europeo.

Ma torniamo all’inaugurazione della sede.

Arrivo con un consistente anticipo, richiesto dalle eccezionali misure di sicurezza dovute al calibro degli ospiti. Oltre ai celeberrimi protagonisti della politica nazionale ed europea, riconosco persone con cui ho avuto modo di interagire ai vari appuntamenti organizzati al PE tra Roma, Bruxelles e Strasburgo.

Sebbene l’atmosfera sia carica di tensione, si trova anche il tempo di scherzare sul fatto che, di lì a poco, si scatenerà quel delirio, che, puntualmente, si verifica.

Le personalità che stiamo per incontrare, al di là del ruolo istituzionale, sono il simbolo di quello che, come UE, esportiamo nel mondo.

Penso, soprattutto, al Comandante Samantha Cristoforetti, testimonianza vivente che Cultura, spirito di abnegazione, forza di volontà, determinazione, preparazione e continuo studio possono davvero fare la differenza nella vita.

L’accesso ai politici avviene tramite una porta secondaria.

Quando varca la soglia la Presidente Metsola è accolta da fragorosi applausi.

La stanchezza inizia a farsi sentire, dato che, come stampa siamo in piedi da non so più quanto tempo.

Finalmente iniziamo.

Ad intervenire, nell’ordine: la Presidente Metsola, il Vicepresidente del Consiglio dei Ministri e Ministro degli esteri, Antonio Tajani, il Commissario europeo all’economia, Paolo Gentiloni, il Ministro per gli affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il PNRR, Raffaele Fitto, il Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, l’astronauta ESA, Comandante della Stazione spaziale internazionale, Samantha Cristoforetti, e la Vicepresidente del Parlamento europeo, Pina Picierno.

La presenza di Sassoli aleggiava; le sue parole, riprese un po’ da tutti, che hanno fatto da sfondo all’evento.

Unanime il pensiero che gli sarebbe piaciuta questa cerimonia, al centro di Roma, diventata, nel tempo, la sua città, e il fatto che ricordasse spesso che c’era una grande voglia di UE, perché tanti sono i valori che accomunano l’Unione europea di cui lui era portatore.

Ad esordire è la Presidente Metsola, che lo ha succeduto al PE. Sottolinea quanto Sassoli sia stato e continui ad essere Stella polare nel firmamento dell’UE.

Roberta Metsola
Roberta Metsola

Ribadisce il ruolo centrale dell’Italia in UE e come il suo predecessore abbia lasciato un segno indelebile nei corridoi del Parlamento per difendere, ancora una volta, gli interessi dei cittadini.

Perché l’Europa ha ancora molto da dire, bisogna solo saperla ascoltare.

Concetti sui quali, ricorda, ha sempre insistito Sassoli, fin dal suo discorso di insediamento, e che ha sempre portato avanti nel dibattito europeo, esortando, inoltre, a non avere tabù sul futuro dell’Europa, individuando nuovi modelli che tenessero conto della dimensione sociale e ambientale e di un nuovo approccio incentrato sulla dignità dell’individuo e sulla protezione del pianeta.

Invita a quella pace che ogni essere umano auspica nel mondo, considerata l’attuale situazione geopolitica internazionale, e rammenta che il giorno prima i deputati del PE hanno ribadito la più ferma condanna della guerra russo – ucraina e la loro continua solidarietà con il popolo e la leadership del Paese che con Commissione europea e Consiglio europeo dovrebbe avviare i negoziati di adesione quest’anno.

Recuperare il futuro dell’Europa dalle basi, per far brillare l’astro della conoscenza da qualsiasi parte dell’universo.

Arriva, ineccepibile, il riferimento a Samantha Cristoforetti, prima donna europea a ricoprire il ruolo di Comandante della Stazione spaziale internazionale.

Segue il ricordo della toccante video call intrattenuta con lei nel settembre 2021, mentre l’astronauta, collegata dalla Stazione spaziale internazionale, aveva dietro di sé la bandiera dell’UE. Doveroso il ringraziamento per l’eccellente lavoro che svolge per tutti noi ed, infine, l’invito a Strasburgo.

Termina con l’appello a credere nella realizzazione delle promesse dell’Unione europea, preannunciata da Sassoli, evidenziando quanto sia importante aver dedicato a lui la sede di Esperienza Europa a Roma.

Esperienza Europa è uno spazio aperto ai nostri qui tutti possono avvicinarsi alle istituzioni e capirne in modo interattivo e coinvolgente il processo decisionale.

Abbiamo voluto dedicare questo spazio a David Sassoli, un campione della democrazia, che tanto si è speso per avvicinare il Parlamento europeo a tutti e in particolare ai giovani.

È il turno di Tajani. In qualità di Vicepremier porta i saluti del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giorgia Meloni, che, causa indisposizione, non ha potuto presenziare.

Antonio Tajani
Antonio Tajani

Indica come l’UE, portatrice di pace, difenda l’indipendenza dell’Ucraina. Prima di tutto, chiosa, ci sono degli ideali da sostenere, come la centralità della persona, e ribadisce che, al di là degli schieramenti politici, a prevalere in UE siano gli interessi comuni.

L’Europa, aggiunge, è vessillo della nostra libertà democratica e il confronto, senza rinunciare alla propria identità, è e resta fondamentale.

Esempio concreto, il rapporto che lo legava a Sassoli, nonostante le differenze politiche, mentre si alternavano alla Presidenza e Vicepresidenza del PE.

Siamo fieri di essere italiani ed europei, come lo era lui. Il suo nome rimarrà a ricordo di tutti anche in questa sede.

Prende la parola Gentiloni, che si sofferma sulla fiducia e sulla passione di Sassoli nel PE e sulla sua “ossessione” di farlo funzionare, specialmente nel periodo critico della pandemia.

Paolo Gentiloni
Paolo Gentiloni

Innovazione, protezione dei cittadini, diffusione del modello di democrazia sono, in particolare, le tematiche centrali del suo ultimo discorso al PE nel dicembre 2021, quello su cui tutti dobbiamo lavorare.

Ispirati da questi ideali per cui si è battuto David possiamo dare un contributo importante in questi tempi difficili.

La presenza all’inaugurazione di questo spazio espositivo da parte dei vertici del governo e delle istituzioni europee è un segno dell’importanza di un’iniziativa che contribuisce a riavvicinare l’Europa ai cittadini.

È anche una testimonianza dell’affetto trasversale con cui tutti ricordiamo e rendiamo omaggio a David Sassoli a poco più di un anno dalla scomparsa. Il suo esempio e la sua visione continuano a essere fonte di ispirazione per tutti noi.

Davanti al microfono compare, ora, Raffaele Fitto, che osserva come anche se da posizioni politiche differenti, erano concordi sul rispetto delle diversità, basilare nel confronto politico.

Raffaele Fitto
Raffaele Fitto

Rilanciare dal punto di vista valoriale e istituzionale la nostra UE nelle politiche concrete di attuazione, rileva, serve affinché i cittadini credano nella forza dell’UE.

Il delicato equilibrio del rispetto dell’identità degli Stati deve coincidere con una coesione di intenti a livello europeo. La risposta europea unitaria per superare questa situazione complessa, aggiunge, è lavorare congiuntamente.

Ecco perché questa è un’utile occasione per avere luogo fisico e simbolico insieme, per far comprendere il contesto e il significato dell’Unione europea e farlo nel solco del ricordo di David, la persona che meglio rappresentava questi valori.

Il Sindaco di Roma, Gualtieri, afferma come sia una gioia per lui ospitare un’area espositiva dedicata all’UE, impreziosita dal nome di Sassoli.

Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Responsabilità sentita con forza tradotta nel valorizzare i principi della nostra storia e cultura, che ci unisce nella diversità. Un salto avanti nell’integrazione.

Capacità di incarnare valori e principi, come sapeva fare David.

Roma, che si sente fortemente città europea, è orgogliosa di questo centro dedicato a lui.

Applausi scroscianti quando la Cristoforetti giunge sul palco.

Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti

Nel breve momento di incontro che ho avuto con David, ne ho percepito la grande umanità. È importante che tutti i giovani comprendano i risultati dell’Unione europea nello spazio, che offrono servizi ai cittadini e sono fonte di conoscenze ed informazioni.

Ho avuto una gratificazione professionale e personale per il peso che l’UE ha avuto e vuole continuare ad avere in campo aereospaziale.

Copernico, Iride, Galileo sono alcuni dei programmi che testimoniano la collaborazione tra Agenzia Spaziale Europea e Commissione europea.

La Presidente Metsola ha ricordato la nostra videoconferenza mentre ero collegata dalla Stazione spaziale internazionale, un contatto tra la terra e lo spazio, tra due donne che inseguono gli stessi ideali.

Celebrare la presenza continuativa di tre astronauti europei in un anno e mezzo nello spazio è qualcosa di significativo.

Il mondo sta correndo e ci stiamo interrogando su come acquisire maggiori competenze da cui trarre benefici anche economici ed internazionali.

Siamo fiduciosi nel sostegno dell’UE e nella consapevolezza dei cittadini anche grazie a questo centro espositivo.

L’ultima a parlare è Pina Picierno, che segue la scia della Cristoforetti.

Pina Picierno
Pina Picierno

Questo spazio, dice, serve ad incontrare l’UE e ad imparare cosa significhi, specialmente in un luogo così rappresentativo in piazza Venezia. Le istituzioni sono l’avamposto di democrazia e libertà.

E, rivolgendosi alla moglie di Sassoli, aggiunge:

La sua è solo un’assenza fisica, ma la sua vicinanza, umana e politica, non ci ha mai abbandonato. Non sia UE se non siamo in grado di creare un faro.

Il vero primato per chi si occupa della cosa pubblica è la difesa del cittadino.

David ha insegnato a ciascuno di noi qualcosa di diverso ed importante. Le aspettative possono essere tradite, gli ideali, invece, diventano, quasi sempre, concreti.

Ricordiamo, infine, che il percorso multimediale, dinamico ed innovativo, ricordiamo, è fruibile gratuitamente per tutti già dal 22 ottobre 2022, dal lunedì al venerdì, 10:00 – 19:00, e sabato e domenica, 12:00 – 18:00, con contenuti disponibili nelle 24 lingue ufficiali dell’Unione, comprensivo di installazioni immersive ed un gioco di ruolo interattivo.

David Sassoli
Targa a David Sassoli
Print Friendly, PDF & Email

Autore Lorenza Iuliano

Lorenza Iuliano, vicedirettore ExPartibus, giornalista pubblicista, linguista, politologa, web master, esperta di comunicazione e SEO.