Home Politica Renzi dice no al Democratellum.

Renzi dice no al Democratellum.

933


Download PDF

renzi m5s

L’incontro tra PD e M5s si è svolto all’insegna del confronto, al fine di trovare un punto d’incontro sulla legge elettorale. “Siamo contenti che il Democratellum sia un punto di partenza. Valuteremo le osservazioni fatte dal PD ed al prossimo incontro porteremo le nostre per trovare una sintesi in tempi rapidi”, ha dichiarato il gruppo parlamentare M5s. Ma nonostante Renzi abbia accettato di poter reintrodurre le preferenze, boccia il Democratellum.

All’incontro erano presenti Luigi Di Maio vice presidente della Camera, Danilo Toninelli, Maurizio Buccarella e Giuseppe Brescia, che rappresentavano il movimento pentastellato, mentre Alessandro Moretti, Debora Serracchiani, Roberto Speranza ed il premier Matteo Renzi rappresentavano il PD. E’ stato Toninelli ad illustrare la proposta di legge definita Democratellum, il cui obbiettivo principale è di abbreviare i tempi. Il disegno consiste in un sistema proporzionale corretto con il modello spagnolo: si tratta di avere circoscrizioni provinciali alla Camera e regionali al Senato. “La legge elettorale che portiamo qui è solo un punto di partenza per superare determinate criticità”, ha dichiarati Di Maio.

Il PD ed il particolare Renzi, che è stato il principale interlocutore del M5s, si è dichiarato contento del confronto e pronto a prendere in seria considerazione la loro proposta di legge, per  quanto il Democratellum sollevi comunque dei dubbi: ” per quanto la proposta sia interessante, si presenta deficitoria sotto il profilo della governabilità. La sera delle elezioni si deve sapere chi ha vinto ed eventualmente, aggiunge il Premier, siamo pronti ad introdurre anche il ballottaggio”. Inoltre, ha aggiunto Renzi, ” abbiamo fatto delle simulazioni, ma in questo modo non si ottiene la maggioranza.”  “Abbiamo dei dubbi anche sulle preferenze negative,cioè quelle preferenze che riprendono il modello svizzero dando la possibilità di cancellare un possibile eletto considerato indegno per il Parlamento: ricordano più la nomination del Grande Fratello ed inoltre si corre il rischio di far individuare il voto in alcune zone del Paese”. Altro argomento che viene esaminato è la questione delle alleanze: la proposta di Renzi è mai più larghe intese, per quanto questo suoni strano vista l’attuale situazione; questo va a ridefinire ulteriormente il Democratellum, il quale invece prevede la possibilità di fare alleanze solo dopo la vittoria e non invece, di stabilirle prima.

Comunque l’incontro, per quanto non abbia avuto risultati pratici ed immediati, ha aperto un dialogo che entrambe le parti sembrano voler portare aventi, per riuscire ad avere in tempi brevi, una nuova legge elettorale.

Monica De Lucia

Print Friendly, PDF & Email
Monica De Lucia

Autore Monica De Lucia

Monica De Lucia, giornalista pubblicista, laureata in Scienze filosofiche presso l'Università "Federico II" di Napoli.