Home Territorio Provolone del Monaco DOP, numeri in crescita e lotta a contraffazione

Provolone del Monaco DOP, numeri in crescita e lotta a contraffazione

384
Provolone del Monaco DOP


Download PDF

Nonostante la pandemia prosegue l’ascesa del formaggio più famoso della Campania

Riceviamo e pubblichiamo.

Numeri in crescita e guardia alta contro la contraffazione. L’anno 2020 non ha cambiato lo spirito del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco DOP che prosegue il suo percorso per portare sulle tavole di tutto il mondo il formaggio stagionato più famoso della Campania.

Spiega il Presidente del Consorzio Giosuè De Simone:

Anche noi abbiamo dovuto fare i conti con la pandemia modificando quello che è il tradizionale calendario di fine anno. Come era facilmente immaginabile abbiamo deciso di non organizzare il Gran Galà Provolone del Monaco DOP.

Riservandoci di ritornare l’anno prossimo con un calendario ancora più ricco ed intenso di appuntamenti soprattutto per i giovani delle scuole che sono stati da sempre un nostro punto di forza, oltre a rappresentare il futuro.

Aggiunge il Direttore Vincenzo Peretti:

Non mancherà, invece, l’appuntamento con il Trofeo Fernando De Gennaro. Riservato, come da regolamento, al Provolone del Monaco Dop con una stagionatura superiore ai 12 mesi. Stiamo valutando le modalità organizzative e dovremmo salutare il 2021 assegnando il riconoscimento proprio nel mese di gennaio.

Quello che invece non manca è l’attenzione riservata alla lotta alla contraffazione.

Concludono Peretti e De Simone:

Anche nel corso di questi giorni che ci separano dal Natale  siamo stati costretti a segnalare a chi di competenza brutte storie di falsi ed imitazioni.

Si cerca di creare confusione con prodotti che hanno assonanze nel nome e nelle forme al Provolone del Monaco DOP originale.

Ai consumatori raccomandiamo la massima attenzione e di consultare tutte le indicazioni che forniamo per non cadere vittime di chi cerca di lucrare in maniera disonesta su di un prodotto reso famoso dal lavoro dei nostri allevatori e dei nostri casari che non smetteremo mai di ringraziare.

Print Friendly, PDF & Email