Home Toscana Regione Toscana Pronto Soccorso di Torregalli, avvio cantiere nel 2024 e fine nel 2026

Pronto Soccorso di Torregalli, avvio cantiere nel 2024 e fine nel 2026

363
San Giovanni di Dio, Torregalli


Download PDF

Si costruirà un nuovo edificio di tre piani, che ospiterà anche altri reparti e dipartimenti. Per l’opera saranno spesi 27 milioni di euro

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Prende forma il nuovo pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio, noto anche come Torregalli: ospedale non solo del capoluogo, che sorge tra Firenze e Scandicci.

È stata infatti avviata la progettazione definitiva del nuovo edificio pronto ad ospitarlo che sarà realizzato sul retro, alle pendici delle colline.

E l’obiettivo è completare il progetto definitivo, assieme a quello esecutivo, entro la fine del 2023 per poi indire la gara di appalto ed affidare i lavori per aprile del 2024.

Il cantiere si dovrebbe chiudere entro due anni, dunque per la primavera del 2026.

Un passo in avanti importante, dopo anni che si parla dell’intervento.

Commenta il Presidente della Toscana Eugenio Giani:

Un desiderio della comunità locale, vivo da tempo, che trova finalmente soddisfazione. Un simbolo del potenziamento dei servizi socio sanitari nell’area fiorentina.

E, con l’ampliamento, arriverà anche un Pronto Soccorso pediatrico in grado di alleggerire il carico di domanda che oggi grava a Firenze solo invece sull’Ospedale Meyer.

Regione ed ASL Toscana Centro hanno fatto oggi il punto sul progetto che riguarda il nosocomio fiorentino: un’opera da 27 milioni di euro.

Sottolinea l’Assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini:

È tra gli investimenti più importanti di edilizia sanitaria che saranno realizzati in Toscana. Il percorso arriva da lontano.

Noi, negli ultimi anni abbiamo lavorato con il Ministero della Salute per sbloccare le risorse. Miglioreremo la funzionalità dell’ospedale e miglioreremo il pronto soccorso.

Ricorda il Direttore generale della ASL Toscana Centro, Paolo Morello Marchese:

Ma sarà anche un’occasione per riorganizzare in maniera più moderna altri reparti, con dimensioni ben più ampie.

Presenti alla conferenza stampa anche Sindaci ed Assessori dei comuni di Lastra a Signa, Signa, Scandicci e Firenze, soddisfatti e contenti per l’accelerazione verso l’apertura del cantiere.

Dice l’Assessore al welfare Sara Funaro, Presidente anche della Società della Salute di Firenze:

La riqualificazione del Pronto Soccorso di Torre Galli è un’operazione importante. Questo intervento permetterà di avere dei reparti innovativi, confermando e rafforzando la risposta sul territorio.

Commenta Sandro Fallani, Sindaco di Scandicci:

È un giorno straordinario al termine di una battaglia dal basso e del territorio iniziata molto tempo fa. Grazie alla Regione e al presidente Giani adesso questo intervento si concretizza.

Negli ultimi anni abbiamo lavorato tutti assieme per qualificare l’offerta sanitaria dell’ospedale, ora abbiamo la possibilità di rinnovare anche le strutture.

Spiega Angela Bagni, Sindaco di Lastra a Signa:

Mi auguro davvero che nel 2026 si possa tagliare il nastro di quest’opera, al centro per tanti anni dell’agenda anche di questa amministrazione.

Ringrazia ancora Marinella Fossi, Vicesindaco di Signa:

Un grande plauso a questa amministrazione e al presidente della Regione per essere riuscito a sbloccare questo intervento, al pari del nuovo ponte sull’Arno.

Il progetto

Il nuovo pronto soccorso di Torregalli troverà sistemazione in un nuovo edificio che sarà costruito sul retro dell’attuale ospedale: tre piani fuori terra e un piano seminterrato per circa 11mila metri quadri, di cui quattro mila destinati per l’appunto al pronto soccorso.

Spazi a sufficienza per oltre 50 mila accessi l’anno, con trentasei posti di trattamento, sei ambulatori specialistici per i codici minori, un’area di osservazione breve intensiva con dodici posti letto ed una ad alta intensità da cinque posti letto.

La struttura disporrà anche di una nuova area di diagnostica per immagini integrata al pronto soccorso e che oltre alla TAC, a due sale per radiografie e ad un ambulatorio ecografico, potrà contare anche sulla risonanza magnetica per la massima efficacia nella cura dei pazienti affetto da ictus.

L’ospedale San Giovanni di Dio è infatti inserito nel circuito di assistenza di emergenza regionale per questa patologia.

Al primo piano primo del nuovo edificio sarà invece ospitato il dipartimento materno neonatale con un nuovo reparto di ostetricia con ventinove posti letto – per tutti la possibilità di tenere i bambini appena nati nella stanza con le madri – e un nuovo blocco travaglio – parto con due sale operatorie, il tutto in contiguità con il nuovo reparto di neonatologia con altri tredici posti.

Negli altri piani saranno presenti servizi di supporto, spogliatoi per il personale ed aree tecnologiche. Un nuovo parcheggio migliorerà l’accessibilità ai servizi.

Print Friendly, PDF & Email